18 ottobre Conte al 26,7% sul Tg1. Mastronardi stacca D’Urso e un super Fazio con Jane Fonda e Greta

C’erano il calcio della Serie A, il motociclismo, una tappa di salita del Giro d’Italia ma anche il compleanno di Mara Venier ed il ritorno di Camila Raznovich a caratterizzare il pomeriggio televisivo di domenica 18 ottobre, in piena seconda ondata Covid. Alla sera, poi, si è fatto attendere fino alle 21.35 circa il presidente del consiglio Giuseppe Conte, che ha presentato in una ventina di minuti circa i contenuti del nuovo dpcm anti corona virus, andando in onda in uno speciale del Tg1, sulle tematiche di news, e poi ‘dentro’ i programmi di Fabio Fazio, Barbara D’Urso, Massimo Giletti (che ha trasmesso fino alle 22.00 circa anche le prime domande e il botta e risposta del premier con i giornalisti). ‘L’Allieva’ ha raccolto il testimone da Conte su Rai1, Fazio oltre a Conte ha sciorinato il ministro Roberto Gualtieri, Vincenzo De Luca, ma anche Jane Fonda e Greta Thunberg, mentre Barbara D’Urso dopo il premier ha puntato su Enrico Montesano e Fabrizio Corona; Massimo Giletti ha aperto con Alberto Zangrillo, Matteo Bassetti, Luca Telese e Pierpaolo Sileri, e poi dopo il collegamento con Palazzo Chigi ha virato sul caso Bellomo e su altri cavalli di battaglia della trasmissione, finendo a parlare del santone di Amarlys.

La classifica delle varie trasmissioni generaliste in prima serata in ordine di ascolti è stata la seguente.

Su Rai1 lo speciale del Tg1 con la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte sul nuovo dpcm, ha avuto 7,4 milioni di spettatori e 26,7% di share.

Quindi la nuova puntata de ‘L’Allieva 3’, con Alessandra Mastronardi, Stefano Assisi, Antonia Liskova e Lino Guanciale nel cast, avviatasi alle 21.55 circa, ha conseguito 4,575 milioni ed il 21,1% (due settimane prima a 4,473 milioni ed il 20,5%).

Su Canale 5 il nuovo appuntamento con ‘Live-Non è la D’Urso’, contenente la dichiarazione del premier Giuseppe Conte, e con tanti ospiti e storie analizzate da Barbara D’Urso (Enrico Montesano, Fabrizio Corona, Fausto Leali, Eva Grimaldi e Imma Battaglia, Iconize, Bello Figo), ha riscosso 2,275 milioni ed il 14,5% di share, dopo l’apertura a 2,990 milioni e 10,8%.

Su Rai3 l’appuntamento con ‘Che Tempo che fa’, con Fabio Fazio che ha aspettato a lungo le dichiarazioni di Conte e ha rimodulato la scaletta del programma avendo tra gli ospiti, dopo l’annuncio di Carlo Calenda che si candida a fare il sindaco di Roma, il ministro dell’economia Roberto Gualtieri, Vincenzo De Luca, Giovanna Botteri e Sigfrido Ranucci, ma anche Jane Fonda, Greta Thunberg e Paolo Fox, ha riscosso 2,984 milioni di spettatori ed 11,4% di share e poi col Tavolo 1,491 milioni e 8,2% di share.

Su Rete 4 per ‘Non è L’Arena’, con l’intervento del premier ospitato fino alle 22.00 circa, Alberto Zangrillo, Luca Telese, Matteo Bassetti, Pierpaolo Sileri nella prima parte, il caso Bellomo nella seconda (Anna Scalfati, Azzurra Barbuto, Daniela Santanchè e Pina Picierno) e poi Mafia Capitale e il santone di Amarlys nel menù, 1,7 milioni e 6,3% di share nella prima parte e 850mila spettatori e 5% di share nella seconda parte.

Su Italia 1 per la commedia Usa con Dwayne Johnson, ‘Una spia e mezzo’, 1,141 milioni di spettatori e 4,8% di share.

Su Rai2 per il telefilm ‘Ncis Los Angeles’ 1,084 milioni e 3,9% di share; per ‘Ncis New Orleans’ 1,040 milioni e 3,4% di share.

Su Rete4 per la pellicola cult ‘Cast Away’, con Tom Hanks ed Helen Hunt protagonisti, 817mila spettatori e 3,9% di share.

 

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech