Gli effetti del 5G sulle tv locali in uno studio di Corecom Lombardia

Il sistema televisivo locale – nel lockdown e in questi mesi di pandemia – ha dato un’ulteriore prova di quanto fornisca un ruolo di servizio. Concetto ribadito dai numerosi relatori intervenuti al seminario e confermato dai numeri.

Regione Lombardia

Il Comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia, come si legge in una nota stampa, ha presentato stamani la ricerca in cui vengono affrontati i temi del cambiamento in atto.

“L’avvento del 5G – ha sottolineato il presidente del Corecom, Marianna Sala – rappresenta una vera e propria rivoluzione tecnologica, che da un lato offre nuove opportunità per la nostra realtà sociale ed economica, ma dall’altro segna una ulteriore riconfigurazione del mercato dei media e degli audiovisivi, con interrogativi non certo secondari per il comparto che più ci sta a cuore, quello dell’emittenza televisiva locale. Di fronte alla complessità del quadro normativo, istituzionale, tecnologico e culturale che viene delineato dall’avvento del 5G, il Corecom – in quanto Authority regionale e organo di consulenza per le comunicazioni – ha organizzato il seminario per fare sintesi dei numerosi passaggi in divenire e per informare gli operatori del settore e i cittadini sui radicali cambiamenti che avverranno nel giro del prossimo anno”.

Il presidente del consiglio regionale, il comasco Alessandro Fermi, ha affrontato anche il tema, non certo secondario, delle risorse economiche per le tv locali in un anno difficile in cui la necessità di garantire il servizio si è scontrata con una realtà fatta anche di mancati introiti pubblicitari e di un’economia fortemente in crisi. “In Ufficio di Presidenza, grazie anche al supporto del Corecom – ha precisato – proprio in questi giorni, parleremo di una proposta di modifica economica alla legge regionale sull’emittenza locale (l.r 8/ 2018), perché è necessario sostenere la comunicazione fortemente radicata sul territorio” .

Lanciato un grido di allarme, chiede una decisa accelerazione e sottolinea il ruolo primario delle televisioni locali. Questo è emerso dagli interventi del presidente dell’Associazione Tv locali di Confindustria Radio Tv, il comasco Maurizio Giunco, e da Fabrizio Berrini, Segretario nazionale di aeranti-Corallo, tra i relatori del seminario “Il passaggio al 5G e gli effetti sul sistema radio televisivo locale” organizzato dal Corecom Lombardia a Milano a Palazzo Pirelli.

Restano, infatti, molte criticità nel rilascio della banda 700 Mhz – quella sulla quale poggiano le televisioni locali – per usi 5G che mettono a rischio l’intero processo. Processo che prevede l’assegnazione delle frequenze agli operatori di rete e quella delle nuove numerazioni dei canali televisivi entro il 1° settembre 2021, la formazione di graduatorie dei Fornitori dei Servizi Media Audiovisivi (FSMA). Ad oggi però queste procedure sono fortemente in ritardo così come non è ancora stato emanato il decreto ministeriale “indennizzi” che fissi le modalità di attribuzione delle misure compensative alle tv locali, che già sono state costrette a disattivare i propri impianti di trasmissione. Per alcune emittenti italiane c’è in discussione la sopravvivenza stessa.

Per minimizzare i rischi e consentire al reparto una corretta transizione, Giunco scandisce 6 tappe che vanno dalla fine di quest’anno al 31 luglio 2021. Date precise entro cui emanare bandi, assegnare frequenze e nuove numerazioni, formare graduatorie.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tokyo 2020: dal rinvio costi aggiuntivi per 1,6 miliardi di euro. Si cerca accordo tra comitato organizzatore e governo

Tokyo 2020: dal rinvio costi aggiuntivi per 1,6 miliardi di euro. Si cerca accordo tra comitato organizzatore e governo

Cartoon Network lancia ‘What a cartoonist!’, call to action dedicata alla ricerca di nuove idee creative per format tv e videogiochi

Cartoon Network lancia ‘What a cartoonist!’, call to action dedicata alla ricerca di nuove idee creative per format tv e videogiochi

A+E Networks Italia e Sky Italia rinnovano la partnership ventennale. Canali e raccolta ancora con il gruppo di Santa Giulia

A+E Networks Italia e Sky Italia rinnovano la partnership ventennale. Canali e raccolta ancora con il gruppo di Santa Giulia