Warner Bros: dimissioni per il presidente Peter Roth

Cambio epocale in Warner Bros. Peter Roth, che ha guidato il ramo tv della casa di produzione – di proprietà di At&t – per oltre due decenni, ha annunciato che si dimetterà dal board con l’arrivo del nuovo anno. Il passo indietro di Roth, che quest’anno aveva rinnovato il contratto ed era stato promosso al ruolo di presidente degli studi di produzione, secondo i media d’oltreoceano  è l’ennesimo caso di un dirigente senior che ha deciso di lasciare WarnerMedia, in un momento in cui la società si sta focalizzando sui servizi streaming e su una procedura aggressiva di riduzione dei costi, che dovrebbe prevedere anche migliaia di licenziamenti.

Peter Roth

Finora non è stato individuato un successore. Channing Dungey, un ex dirigente del ramo programmazione di Netflix – che ha recentemente lasciato la società a causa di una riorganizzazione aziendale – sarebbe il principale candidato a prendere il posto di Roth, secondo le fonti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Draghi sulla Superlega: preservare le competizioni nazionali; tutelare i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport

Draghi sulla Superlega: preservare le competizioni nazionali; tutelare i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport

Boom libri nel primo trimestre 2021, vendite su del 26,6%. Il canale dell’online raggiunge il +45%. Levi: Fondamentale il sostegno del pubblico

Boom libri nel primo trimestre 2021, vendite su del 26,6%. Il canale dell’online raggiunge il +45%. Levi: Fondamentale il sostegno del pubblico

Sette top manager su 10 sono social, il 23% è inattivo. De Meo, Alverà e Alessandri top LinkedIn, presidenti Serie A su Twitter. Instagram per la moda

Sette top manager su 10 sono social, il 23% è inattivo. De Meo, Alverà e Alessandri top LinkedIn, presidenti Serie A su Twitter. Instagram per la moda