Billboard Italia cambia vertici: Toma direttore, Danielli condirettrice

Billboard Italia, edito da Bbi di  Andrea Minoia, cambia i vertici della testata. Tommaso Toma diventa direttore responsabile, al posto di Federico Durante (che resta nel giornale come caporedattore). Silvia Danielli è nominata condirettrice.

Tommaso Toma

Tommaso Toma già capo redattore sin dalla nascita del magazine, in precedenza ha lavorato come capo redattore per Rodeo Magazine, Maxim, Ulisse. Collaborato con Rolling Stone, GQ Style, Uomo Vogue, Esquire, Il Giornale della Musica, L’Officiel Homme, creato contenuti per i magazine del gruppo Finelco (Virgin Radio, RMC). Toma ha avuto una lunga carriera come DJ rock alternative negli anni ’90 e dal ’95 è speaker musicale per Radio Popolare Milano.

Silvia Danielli

Silvia Danielli dopo aver già coordinato da un anno il sito internet della rivista. Ha lavorato per Epolis Milano, Max, ne curato la sezione musicale all’interno del sito della Gazzetta dello Sport. È stata responsabile del coordinamento musicale per Rolling Stone. Ha lavorato anche come ufficio stampa a Parole & Dintorni e Sony Music Italia. Ha inoltre scritto per: Ansa, Il Messaggero, D di Repubblica, L’Officiel, Grazia, Oggi, Wu Magazine, Louder.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto