Prepensionati Hearst Italia preoccupati

Riceviamo e pubblichiamo una lettera firmata Paolo Bardella, portavoce  di prepensionati ex dipendenti Hearst Italia, preoccupati per i ritardi Inps.

Faccio parte, come tanti altri colleghi, delle persone fuoriuscite con il suddetto decreto nella prima parte dell’anno 2020. Ad oggi non ho ricevuto alcun assegno pensionistico da parte di INPS che ancora, per motivi non ben identificabili, non è in grado di confermare la data in cui verrà reso operativo il pagamento. INPS ha pubblicato il 6/8/2020 la circolare 93 in cui informa della legge prepensionamenti editoria e delle modalità della stessa. Il 4/9/2020 INPS pubblica una circolare in cui specifica la non idoneità della formulazione delle domande presentate sino a quella data, confermando la ricompilazione delle stesse da parte delle sedi di appartenenza. In alcuni casi parte della documentazione a suo tempo caricata dai Caf è andata smarrita. Anche la FIEG il 7/9 con una circolare prende atto della complessità della situazione e delle possibili conseguenze. Terminata la cronistoria, per farla breve ad oggi 20/10 sembrerebbe che INPS (da loro dichiarazioni) non ha disponibilità degli elenchi delle persone aventi diritto al prepensionamento editoria, elenchi che dovrebbe fornire il Ministero del Lavoro ma che non ha ancora fatto.

Mi faccio portavoce di questa assurda situazione che sta provocando a centinaia di persone problemi di non poco conto in quanto sono mesi che non viene ricevuto alcun reddito. Vi ringrazio anticipatamente e vi chiederei se potreste dedicare uno spazio sulla Vs. testata che espliciti questa gravosa situazioni in cui siamo visto che ormai è quasi trascorso quasi un anno dall’entrata in vigore della legge inerente i “prepensionamenti editoria”.

Cordialmente.
Paolo Bardella

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto