Covid: le ricerche su Google Trends possono aiutare a predire dove scoppieranno nuovi focolai

Le ricerche su Google possono predire dove scoppieranno nuovi focolai di Coronavirus, anticipandoli anche di 16 giorni rispetto alla data in cui sono ufficialmente scoperti e segnalati. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista ‘Mayo Clinic Proceedings’ da esperti della Mayo Clinic di Rochester.

“Il nostro studio dimostra che ci sono dati presenti su Google Trends (il programma che analizza l’andamento nel tempo delle parole chiave sulle ricerche Google) che precedono i focolai e questi dati potrebbero essere usati per localizzare i focolai e allocare tempestivamente le risorse (tamponi, personale specializzato, misure di protezione e farmaci)” per gestire questi nuovi punti epidemici, spiega l’autore.

Analizzando i dati di Trends, continua, “abbiamo scoperto di essere in grado di trovare fattori predittivi di nuovi focolai, sulla base di parole chiave” usate nelle ricerche Google dagli utenti della rete.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto