Facebook e Twitter a giudizio per aver oscurato news sul figlio di Joe Biden

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

5G, il governo congela il contratto Huawei­-Fastweb. Il consiglio dei ministri ieri sera ha bloccato un contratto di fornitura di Huawei a Fastweb con la richiesta di alcuni adempimenti aggiuntivi e di una nuova notifica. È la prima decisione del genere da quando esistono gli obblighi di notifica in materia di telecomunicazioni previsti dal “golden power.

Il flop di Quibi, la Netflix dei video brevi. Nata ad aprile, la a piattaforma basata sui “quick bites”, bocconcini di 5­-10 minuti fra prodotti scripted, reality show e notiziari, ha chiuso i battenti. All’origine del fallimento del progetto «ci sono uno o due motivi», hanno dichiarato i fondatori Katzenberg e Whitman in una lettera aperta: «Idea non abbastanza forte per giustificare un servizio di streaming autonomo o il nostro tempismo». Il sospetto è «che sia stata una combinazione dei due».

AgCom, primo via libera a FiberCop. L’Agcom ritiene ammissibile il progetto di separazione della rete di accesso di Telecom Italia. Il consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha infatti svolto una preliminare discussione sul progetto di separazione legale volontaria della rete fissa di accesso dell’operatore Tim.

Facebook e Twitter a giudizio. La Commissione giustizia del Senato Usa ieri ha autorizzato il proprio presidente, Lindsey Graham, ad emettere un mandato di comparizione per i rispettivi amministratori delegati dopo che le due aziende hanno imposto delle limitazioni alle condivisioni degli articoli del New York Post riguardanti il figlio del candidato democratico alla presidenza Joe Biden. L’accusa mossa dagli ambienti conservatori è infatti che i due giganti del web abbiano cercato di insabbiare notizie in grado di compromettere l’immagine del rivale del presidente Donald Trump.

Tlc, ora la Spagna fattura più dell’Italia. Il 2019 ha segnato il sorpasso della Spagna sull’Italia, in quarta posizione in termini di fatturato nella telefonia in Europa. Il dato è emerso dal rapporto annuale dell’Area studi di Mediobanca sulle telco globali. In Europa, il primo mercato resta quello tedesco, con 57,4 miliardi di euro, seguito da Uk (37,3), Francia (35,2) e, appunto, Spagna, con un fatturato di 30,1 miliardi. L’ascesa del Paese iberico va a scapito dell’Italia, il cui giro d’affari globale si ferma a 29,8 miliardi (­4,4% anno su anno).

Amazon e lo sport. Amazon si appresta a chiudere un 2020 con ricavi stimati in 316 miliardi di euro, in crescita di oltre il 30% sul 2019. E ora il gruppo fondato da Jeff Bezos, dopo gli investimenti pe la Premier League, fa un altro passo per entrare nel mondo dello sport con un investimento di 80 milioni di euro all’anno per l’acquisto dei diritti tv di 17 partite della Champions League e della Supercoppa europea. Un altro settore di business per analizzare e comprendere ancora meglio gusti e passioni dei propri clienti, scrive Italia Oggi.

WhatsApp, ora le chat possono tacere per sempre. Niente più notifiche dalle chat di gruppo che non ci interessano, ma da cui sarebbe problematico o quanto meno scortese uscire, né da quel conoscente che riempie i suoi contatti di foto e video più o meno divertenti. Nelle scorse ore, l’app ha twittato un’immagine che mostra un cambiamento nella terza opzione per silenziare le chat: al posto di “un anno”, c’è la voce “per sempre”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini: cultura diventi centrale nelle scelte politiche Ue. Serve piattaforma comunitaria online per le arti

Franceschini: cultura diventi centrale nelle scelte politiche Ue. Serve piattaforma comunitaria online per le arti

5G sfida e occasione per il Paese. Summit ‘5G Italy 2020’: tra i protagonisti Bassanini, Bisio, Ibarra e Boccia

5G sfida e occasione per il Paese. Summit ‘5G Italy 2020’: tra i protagonisti Bassanini, Bisio, Ibarra e Boccia

Investimenti pubblicitari digitali in crescita anche a ottobre, +9,2%. Fcp Assointernet: boom adv su smartphone, +16,3%

Investimenti pubblicitari digitali in crescita anche a ottobre, +9,2%. Fcp Assointernet: boom adv su smartphone, +16,3%