TikTok: più chiarezza sui contenuti rimossi. Nelle nuove notifiche indicherà quale norma è stata violata

TikTok farà chiarezza sulle ragioni che la spingono a rimuovere determinati video dalla piattaforma. Il social ha annunciato che, a differenza di quanto accade ora, spiegherà agli utenti colpiti dalla cancellazione il perché del provvedimento.

Dal nudo al bullismo, passando per autolesionismo e linguaggio d’odio, TikTok al pari degli altri social rimuove i contenuti che non rispettano le proprie regole. Nelle scorse settimane la app ha reso noto di aver eliminato 104,5 milioni di video.

(cco Photo by Kon Karampelas on Unsplash)

Finora l’utente riceveva una notifica generica di violazione delle linee guida. D’ora in poi, invece, “faremo sapere al creatore del video quale norma è stata violata, e gli daremo la possibilità di presentare ricorso contro la decisione”, spiega TikTok in una nota.

La novità è stata sperimentata nei mesi scorsi su un gruppo di utenti. “Spiegare le ragioni mentre ricordiamo alle persone le nostre norme ha contribuito a ridurre il tasso di violazioni reiterate, mentre le visite alle nostre linee guida sono quasi triplicate”, rileva TikTok. “Abbiamo anche riscontrato una riduzione del 14% nelle richieste di ricorso contro la rimozione di un video”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto