Covid, ecco il nuovo Dpcm firmato da Conte: stop a cinema e teatri; dad anche al 100%; chiusura alle 18 per bar e ristoranti – DOCUMENTO

E’ stato firmato nella tarda notte dal premier Giuseppe Conte, dopo un confronto con le regioni e i capi delegazione, il nuovo Dpcm sulle misure anti-Covid che includono una stretta per tentare di abbassare la curva dei contagi, in vigore dal 26 ottobre fino al 24 novembre.

Fortemente raccomandato di “non spostarsi”, salvo che per esigenze lavorative, di studio, di salute, (rispetto all’ultima bozza, è saltata la specifica di non spostarsi “dal Comune di residenza, domicilio o abitazione”); didattica a distanza fino al 100% per le superiori; stop a cinema, teatri, casinò, sale scommesse, palestre, piscine, centri benessere e centri termali, sono alcune delle norme presenti nel testo che hanno confermato anche la chiusura per bar e ristoranti alle ore 18, autorizzando però le aperture domenicali.

Ecco cosa prevede il Dpcm:

DPCM 24 ottobre

Le misure di ristoro per i settori colpiti dalle nuove restrizioni – richieste oltre che dalle associazioni di settori anche dalla Conferenza delle regioni e province autonome – dovrebbero essere alc entro di un Consiglio dei Ministri convocato nella giornata di oggi.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elisabetta Ripa: Italia al terzo posto in Europa per copertura Ftth grazie a Open fiber e secondo Paese per crescita

Elisabetta Ripa: Italia al terzo posto in Europa per copertura Ftth grazie a Open fiber e secondo Paese per crescita

Debuttano in Italia i negozi Sky. Si parte domani a Milano in corso Buenos Aires, seguiranno Roma, Napoli e Brescia

Debuttano in Italia i negozi Sky. Si parte domani a Milano in corso Buenos Aires, seguiranno Roma, Napoli e Brescia

Facilitare l’accesso ai fondi e stimolare gli investimenti, il piano Ue per i Media. Vestager: aiuto al settore, sfruttando il digitale

Facilitare l’accesso ai fondi e stimolare gli investimenti, il piano Ue per i Media. Vestager: aiuto al settore, sfruttando il digitale