Alle imprese fa bene il ‘Debate’: in arrivo un corso per imparare a gestire il confronto

Chissà che possa servire anche ad aiutare le scuole e a riaprire il dibattito in questo difficile periodo. E’ ‘Debate’, corso che insegna a gestire il confronto attraverso una serie di competizioni .

Nei Paesi anglosassoni il ‘debate’ è una pratica ormai diffusa, con competizioni organizzate anche a livello nazionale. In Italia, è più un momento ludico, come nel caso dei ‘ring’ teatrali in cui attori si confrontano su temi proposti al momento; oppure, è un’occasione per i liceali più bravi di sfidarsi in competenze di matematica o di latino.

Adesso invece ‘Debate’ diventa un “metodo di approfondimento di temi di cultura d’impresa”, come dice  Manuele De Conti, presidente della Società Nazionale Debate Italia. E aggiunge: “La nostra missione è sempre stata promuovere la metodologia del dibattito come pratica didattica e come contributo alla crescita della consapevolezza di cittadinanza”.

Frutto della collaborazione di numerosi organizzatori (Liuc – Università Cattaneo, Museimpresa, Fondazione Dalmine, Archivio del Cinema Industriale e della comunicazione d’impresa, Società nazionale Debate Italia e Fondazione Giuseppe Merlini), il corso consiste in un confronto in cui due squadre (composte ciascuna da due o tre studenti) sostengono e controbattono un’affermazione o un argomento dato dall’insegnante, ponendosi in un campo (pro) o nell’altro (contro).

Il tutto si svolgerà interamente online, sia attraverso contenuti da consultare sia con confronti live tra i partecipanti e i formatori, sfruttando la piattaforma informatica per la didattica a distanza messa a disposizione dalla Liuc.

Le iscrizioni sono aperte fino al 30 ottobre, e le lezioni – completamente gratuite – inizieranno il 17 novembre, parallelamente alla XIX edizione della Settimana della cultura d’impresa (5-20 novembre) per concludersi l’11 gennaio. Con la possibilità di accedere alla selezione per il Torneo nazionale Debate e cultura d’impresa che sarà disputato dalla metà di gennaio a fine marzo 2021.

Le iscrizioni raccolte finora arrivano da un centinaio di istituti in tutta Italia, da Catania fino a Treviso passando per Bari, Napoli e Roma.

Antonio Calabrò

Antonio Calabrò

 

Osserva Antonio Calabrò, presidente di Museimpresa: “Il patrimonio culturale e imprenditoriale del nostro Paese trova nuova linfa nel sempre più attivo e sinergico rapporto tra educazione scolastica, formazione delle nuove generazioni e lavoro. I processi di istruzione e formazione qualificano appunto quel capitale umano senza il quale non ci saranno né crescita economica né buoni equilibri sociali. Per comprendere come evolverà la società nel prossimo futuro e individuare quali saranno le trasformazioni economiche e imprenditoriali cui andremo incontro, è vitale che le nostre imprese si dimostrino sempre più aperte ai giovani”.

Giovani che – secondo Manuel Tonolini di Fondazione Dalmine – imparano così “a familiarizzare con un tipo di discussione ordinata, matura, che porta allo sviluppo di competenze critico-riflessive e civiche, stimolando lo studio e l’apprendimento di nuovi concetti attraverso la modalità del gioco e della sfida, intesi non solo nell’accezione ricreativa dei termini ma soprattutto dal punto di vista formativo”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Vittorio Bo e le Letterature dopo la pandemia, una jam session creativa

Vittorio Bo e le Letterature dopo la pandemia, una jam session creativa

“Influencer marketing 2021”. Online l’agenda dell’evento organizzato da UPA per martedì 14 settembre

“Influencer marketing 2021”. Online l’agenda dell’evento organizzato da UPA per martedì 14 settembre

La nuova ‘Pearl’ di Meghan Markle

La nuova ‘Pearl’ di Meghan Markle