Smartphone 5G, Europa occidentale prima per tasso d’adozione. Gli svizzeri i più attrezzati per la nuova tecnologia

La Cina e gli Stati Uniti sono i primi due Paesi al mondo per numero di smartphone 5G venduti, ma se si guarda al tasso di adozione – e cioè a quanti sono i dispositivi 5G sul totale dei telefoni venduti – allora è l’Europa occidentale a primeggiare. Lo rivelano i ricercatori di Strategy Analytics, che sottolineano il forte apprezzamento di alcuni mercati per i device compatibili con le nuove reti mobili.

In testa tra i Paesi europei c’è la Svizzera, dove nel 2020 tre smartphone venduti su cinque (59%) saranno 5G. Seguono a pari merito la Germania e il Regno Unito con il 32%. Appena fuori dal podio si trova la Spagna, dove sarà 5G uno smartphone su cinque (20%). Poi è la volta dell’Italia, con i modelli 5G che rappresenteranno il 14% degli smartphone venduti, e della Francia, dove la percentuale si fermerà al 4%.

cco (Photo by ROBIN WORRALL on Unsplash)

Stando agli analisti, tuttavia, le proporzioni cambieranno nel 2021, quando al primo posto si piazzeranno Germania e Regno Unito con oltre tre smartphone su quattro (77%) compatibili con le nuove reti cellulari, mentre la Svizzera si attesterà al 72%.
La Spagna salirà al 47%, l’Italia al 41% e la Francia al 32%.

“La rapida adozione degli smartphone 5G da parte dei consumatori dell’Europa occidentale rappresenta un’opportunità per i produttori”, osserva l’analista Ken Hyers. “Samsung e Apple stanno facendo la parte del leone, ma la concorrenza aggressiva di Vivo, Oppo, Xiaomi e di altri fornitori cinesi riordinerà le quote di mercato nel 2021”. Il 5G, aggiunge, darà l’opportunità a queste aziende di “crescere nel 2021 e oltre”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Compie 30 anni l’Almanacco del ciclismo: la “Bibbia del pedale” per appassionati e addetti ai lavori

Compie 30 anni l’Almanacco del ciclismo: la “Bibbia del pedale” per appassionati e addetti ai lavori

L’inclusione premia le aziende. E una ricerca di Diversity testimonia la crescita, anche in epoca Covid

L’inclusione premia le aziende. E una ricerca di Diversity testimonia la crescita, anche in epoca Covid

Licenziato per un post “denigratorio” su Facebook. L’azienda apre al reintegro dopo “adeguate scuse”

Licenziato per un post “denigratorio” su Facebook. L’azienda apre al reintegro dopo “adeguate scuse”