Gli editori alle Regioni: consentire vendita di libri nel weekend in supermercati e grandi strutture

“Dopo le librerie chiuse nei week end all’interno dei centri commerciali, adesso in molte Regioni anche gli scaffali dei libri dei supermercati e delle grandi strutture di vendita sono interdetti ai cittadini il sabato e la domenica. Torniamo a rivolgere il nostro appello a tutte le istituzioni: il libro è un bene essenziale e tale deve essere considerato nei provvedimenti delle Regioni”. Lo dichiara il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi.

Ricardo Franco Levi

A seguito dei provvedimenti restrittivi assunti da diverse Regioni, infatti, le grandi catene, su indicazione delle istituzioni stesse, stanno transennando gli scaffali e vietando le vendite dei prodotti non acquistabili nel week end, tra cui sono ricompresi i libri. “Ribadiamo – conclude Levi – che il libro non può essere considerato alla stregua di un semplice oggetto di consumo il cui acquisto è rinviabile, ma va considerato un bene essenziale, come già aveva indicato il governo nei decreti di aprile. Facciamo appello alle Regioni perché intervengano immediatamente consentendo la vendita di libri nel week end”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cala il mercato pubblicitario a febbraio, -12.3% (-18.3% senza web Ott). Nielsen: ci aspetta un anno a velocità diverse

Cala il mercato pubblicitario a febbraio, -12.3% (-18.3% senza web Ott). Nielsen: ci aspetta un anno a velocità diverse

Gedi verso il controllo di Huffington Post

Gedi verso il controllo di Huffington Post

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND su nuovi dati ADS. A febbraio molte testate in ripresa rispetto a gennaio

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND su nuovi dati ADS. A febbraio molte testate in ripresa rispetto a gennaio