Cdp: via libera da cda a offerta dettagliata per 88,06% di Autostrade. Confermata la forchetta di prezzo

Via libera dal Cda di Cassa Depositi e Prestiti a CDP Equity per la presentazione dell’offerta dettagliata per l’acquisizione dell’88,06% di Autostrade per l’Italia detenuto da Atlantia, con relativa proposta di accordo (Memorandum of Understanding) volto a identificare i principali termini e condizioni relativi all’operazione prospettata.

Nell’ambito dell’operazione, spiega la nota dell’istituto, Cdp Equity sarà il primo azionista con il 40% del veicolo attraverso cui sarà realizzato l’investimento (“BidCo”) e nominerà presidente e amministratore delegato di BidCo e di Aspi.
Cdp Equity sarà affiancata da Blackstone Infrastructure Partners e Macquarie Infrastructure and Real Assets, che inizialmente deterranno ciascuna il 30%.
L’operazione, inoltre, prevede il possibile ingresso di altri investitori italiani nella compagine azionaria.

Fabrizio Palermo (Foto ANSA)

Il consorzio composto da Cdp Equity, Blackstone e Macquarie, a valle dell’offerta del 19 ottobre, si legge ancora nella nota, “ha compiuto uno sforzo significativo per approfondire gli aspetti valutativi coinvolgendo numerosi team di lavoro composti da professionisti specializzati nel settore delle concessioni autostradali e consulenti di levatura internazionale. La proposta, confermando la forchetta di prezzo già indicata in precedenza, sottopone un’offerta ancor più dettagliata che, se accolta, porterà all’individuazione di termini, condizioni e prezzo definitivi dell’operazione, a seguito di una due diligence di 10 settimane”.

Per fornire ad Atlantia tempestiva visibilità sull’andamento delle valutazioni, il percorso indicato prevede un primo riscontro sugli esiti della due diligence da parte del Consorzio dopo 4 settimane dal suo avvio. Inoltre, qualora nell’ambito dell’operazione i soci di minoranza di Aspi preferiscano esercitare il diritto di co-vendita delle azioni di Aspi, è previsto che il Consorzio possa acquistare fino al 100% di Aspi.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Dal Tribunale di Madrid primo round legale a favore di Perez e Agnelli: no a veti di esclusione dei club che promuovono la Superlega

Dal Tribunale di Madrid primo round legale a favore di Perez e Agnelli: no a veti di esclusione dei club che promuovono la Superlega

Superlega. Uefa tratta con un fondo investimento UK per creare una Champions da 7 miliardi di euro

Superlega. Uefa tratta con un fondo investimento UK per creare una Champions da 7 miliardi di euro

Nella TOP 20 SQUADRE INTERNAZIONALI PIÙ SOCIAL, 11 sono nella Superlega. Sensemakers: corrispondenza tra attività social e capacità di monetizzazione

Nella TOP 20 SQUADRE INTERNAZIONALI PIÙ SOCIAL, 11 sono nella Superlega. Sensemakers: corrispondenza tra attività social e capacità di monetizzazione