Eni, l’ad Descalzi: prima società in termini di investimenti per sviluppo sostenibile

“Tutte le società petrolifere sono in paesi difficili perché le risorse energetiche sono in questi paesi. La miglior tutela sono le coperture contrattuali, due diligence, compliance, i sistemi di controllo dell’azienda che vengono sempre migliorati e modificati, la trasparenza. Bisogna integrarsi nel paese per dare un aiuto reale e con lo sviluppo sostenbile:ci deve essere una redistribuzione delle risorse che vada al di delle royalties e delle tasse”. Ad affermarlo è l’ad di Eni, Claudio Descalzi in audizione alla Camera in Commissione Affari esteri, nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle dinamiche del commercio internazionale e interesse nazionale.

Claudio Descalzi (Foto ANSA)

Nei paesi africani e in via di sviluppo “siamo la prima società in termini di investimenti sostenibili come educazione, sanità, agricoltura, nella creazione di centri di ricerca, negli scambi con le università. Eppure spesso veniamo descritti come predatori. Siamo la prima e unica società che ha deciso di sviluppare un network interno per dare accesso all’energia a quei paesi invece di esportare il gas. Noi diamo energia a 18 milioni di persone ma diventeranno 24 milioni che prima usavano biomasse. Abbiamo fatto centrali elettriche. In questo modo facciamo sviluppo sostenibile e diventiamo parte di quella comunita’, diventiamo credibili”, aggiunge Descalzi. “E’ anche con questi aiuti che proteggiamo una società”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elisabetta Ripa: Italia al terzo posto in Europa per copertura Ftth grazie a Open fiber e secondo Paese per crescita

Elisabetta Ripa: Italia al terzo posto in Europa per copertura Ftth grazie a Open fiber e secondo Paese per crescita

Debuttano in Italia i negozi Sky. Si parte domani a Milano in corso Buenos Aires, seguiranno Roma, Napoli e Brescia

Debuttano in Italia i negozi Sky. Si parte domani a Milano in corso Buenos Aires, seguiranno Roma, Napoli e Brescia

Facilitare l’accesso ai fondi e stimolare gli investimenti, il piano Ue per i Media. Vestager: aiuto al settore, sfruttando il digitale

Facilitare l’accesso ai fondi e stimolare gli investimenti, il piano Ue per i Media. Vestager: aiuto al settore, sfruttando il digitale