Lifegate lancia crowdfunding per diventare una public company

Non esiste sviluppo che non sia sostenibile. LifeGate, da vent’anni opera per promuovere il cambiamento e risvegliare una nuova coscienza sociale e ambientale, ispirando modelli di consumo consapevoli e sostenibili.

Enea Roveda

Oggi LifeGate, si legge in un comunicato, ha deciso di intraprendere un percorso per diventare una public company lanciando una campagna di raccolta fondi online su Mamacrowd, la prima piattaforma italiana di equity crowdfunding per capitale raccolto, per offrire a tutti la possibilità di prendere parte attiva al cambiamento per un futuro migliore.

“Quest’anno LifeGate festeggia 20 anni dedicati alla sostenibilità e li compie nell’anno che dà il via al decennio per il clima, il decennio delle soluzioni – il commento del CEO Enea Roveda – È per questo motivo che abbiamo deciso di fare ancora di più e tutto il possibile per coinvolgere tanti nuovi protagonisti in questa transizione perché solo uniti si può vincere la sfida al riscaldamento globale, la più importante di questo secolo, per garantire un futuro alle nuove generazioni. Basta un piccolo gesto per diventare parte del cambiamento”.

La campagna di equity crowdfunding online su mamacrowd.com dal 29 ottobre, punta a una raccolta di 1
milione di euro, che potrà essere estesa fino a 2,7 milioni e prevede due possibilità di partecipazione societaria in funzione dell’investimento, con una quota di minima di 200 euro.

“Siamo felici di ospitare sulla nostra piattaforma la campagna di raccolta di LifeGate, riteniamo importante supportare chi da tanti anni è attivo in modo concreto sul tema della sostenibilità – ha spiegato Dario Giudici, Ceo di Mamacrowd – LifeGate ha una storia ventennale alle spalle ed è tra i primi editori in Italia verticali sulle tematiche ambientali, ci auguriamo che la campagna sia un nuovo punto di partenza per raggiungere obiettivi ancora più grandi”.

Con 25 mila contenuti editoriali e 10 milioni di minuti di musica trasmessi in radio, LifeGate ha informato i lettori e gli ascoltatori e oggi conta su una community di 5 milioni di persone. Una società che è cambiata nel tempo e che viene raccontata attraverso gli “Osservatori sullo stile di vita sostenibile”, indagini realizzate da LifeGate in collaborazione con Eumetra MR che dal 2015 offrono una fotografia di come gli italiani, i milanesi e i romani applicano i temi della sostenibilità alla visione del futuro e nelle proprie scelte quotidiane.

Dal 2000 l’azienda lavora su grandi temi attraverso progetti concreti contro la crisi climatica. Con questo
obiettivo sono state lanciate iniziative come Impatto Zero, primo progetto al mondo a concretizzare gli intenti del Protocollo di Kyoto, che ha compensato le emissioni di CO₂ di 400 milioni di prodotti attraverso la riforestazione di 70 milioni di metri quadrati di aree verdi in Italia e nel mondo, dalla Costa Rica al Madagascar, grazie anche al progetto Foreste in Piedi in Amazzonia. Contro il global warming, nel 2005 è nata anche LifeGate Energy, energia pulita, 100% rinnovabile, italiana e a Impatto Zero, che negli anni ha fornito 900 GWh a privati e aziende.
Negli ultimi anni la presenza della plastica nei mari ha raggiunto il livello di emergenza, affrontato da LifeGate PlasticLess che ha consentito, in soli due anni, di raccogliere 25 mila chilogrammi di rifiuti plastici e microplastiche in Italia e in Europa e a sostegno delle biodiversità sono state protette 5 milioni di api con Bee my Future.

Dai dati del 6° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile, presentato il 22 aprile su osservatorio.lifegate.it, sono 36 milioni gli italiani che hanno allineato il proprio stile di vita alla sostenibilità e questa consapevolezza non può che accelerare il passaggio verso un’economia resiliente e sostenibile.

La strada è ancora lunga e i traguardi più ambiziosi. Le risorse raccolte serviranno per finanziare e creare valore attorno alle aree di business più giovani e promettenti, presenti nel gruppo: LifeGate Lab, la nuova divisione innovazione che ha l’obiettivo di finanziare progetti, tecnologie e servizi sviluppati in collaborazione con le startup partecipate impegnate nel mondo della sostenibilità, LifeGate Education che sviluppa programmi di corporate training a distanza attraverso l’utilizzo di una piattaforma tecnologica innovativa e proprietaria, inoltre l’ulteriore sviluppo del network di informazione con l’ampliamento delle aree tematiche sulle piattaforme lifegate.it, lifegate.com, radio LifeGate e i canali social.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

Tokyo 2020: dal rinvio costi aggiuntivi per 1,6 miliardi di euro. Si cerca accordo tra comitato organizzatore e governo

Tokyo 2020: dal rinvio costi aggiuntivi per 1,6 miliardi di euro. Si cerca accordo tra comitato organizzatore e governo

Cartoon Network lancia ‘What a cartoonist!’, call to action dedicata alla ricerca di nuove idee creative per format tv e videogiochi

Cartoon Network lancia ‘What a cartoonist!’, call to action dedicata alla ricerca di nuove idee creative per format tv e videogiochi