Covid-19, negli Usa l’app V-Safe monitorerà la salute di chi riceverà il vaccino

Una volta che sarà disponibile un vaccino per il Covid-19 negli Usa chi lo riceverà verrà seguito con una piattaforma per lo smartphone che permetterà una ‘sorveglianza attiva’ sullo stato di salute. Lo ha annunciato, riporta la Cnn, il Cdc statunitense.

CC0 Creative Commons (Pixabay License)

“V-Safe è un nuovo programma di sorveglianza attiva via smartphone – ha spiegato Tom Shimabukuro, vicedirettore dell’Immunization Safety Office del Cdc durante una riunione del comitato per i vaccini dell’Fda -, che include anche un follow up telefonico. E’ un modo più attivo per monitorare eventuali effetti avversi rispetto alla semplice attesa che il paziente li segnali”.

Il programma, riporta Ansa, prevede che la salute di chi riceve il vaccino sia verificata ogni giorno via messaggi di testo ed email per la prima settimana, e poi ogni settimana per il mese e mezzo successivo. Se qualcuno riporterà un effetto avverso il programma lo segnalerà all’apposito database”. Oltre a questo, il Cdc ha in programma due altri sistemi di monitoraggio in tempo reale della sicurezza dei vaccini per Covid-19, che prevedono di usare i dati ospedalieri e delle rsa e quelli delle compagnie di assicurazione sanitaria.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini: farò di tutto per garantire riapertura mondo spettacolo. Nostre proposte ragionevoli, spero  Cts approvi

Franceschini: farò di tutto per garantire riapertura mondo spettacolo. Nostre proposte ragionevoli, spero Cts approvi

Calcio e diritti tv. Lega Serie B approva l’offerta per i due pacchetti ‘satellite e dtt’ e ‘Ott e mobile’

Calcio e diritti tv. Lega Serie B approva l’offerta per i due pacchetti ‘satellite e dtt’ e ‘Ott e mobile’

Con il digitale più crescita, produttività e inclusione. Colao: Fondamentale accelerare il lavoro con le Regioni

Con il digitale più crescita, produttività e inclusione. Colao: Fondamentale accelerare il lavoro con le Regioni