L’Unione europea contro le fake news: progetto per creare una rete di autorità di controllo nazionali

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Il virus spinge le Pmi sul digitale. Facebook è diventato una piattaforma per il business? «La presenza delle aziende c’è sempre stata ma, a livello globale, le aziende sono passate da 180 milioni a 200 milioni solo nell’ultimo trimestre – dice Luca Colombo, country director di Facebook -. Di queste, 10 milioni utilizzano strumenti pubblicitari. E la maggior parte sono Pmi».

Banda ultralarga, il governo studia lo switch off al 2025. L’esecutivo – scrive oggi Il Sole 24 Ore – punta a fissare per legge lo switch off della rete in rame e la migrazione alla fibra ottica. Il salto tecnologico dovrebbe completarsi obbligatoriamente nel 2025 ed è parte del progetto per la banda ultralarga da finanziare con le risorse europee della Recovery and Resilience Facility.

Jack Ma sentito da autorità cinesi. Quattro regolatori cinesi, tra cui la banca centrale e il supervisore bancario, hanno chiamato il miliardario Jack Ma e i massimi dirigenti di Ant Group per una intervista congiunta di supervisione. L’incontro è arrivato a pochi giorni dalla quotazione record di Ant Group, in calendario per giovedì prossimo.

L’Unione europea pronta ad annunciare un sistema anti fake news. Secondo quanto risulta a Milano Finanza, la Commissione Europea il prossimo 2 dicembre annuncerà l’avvio di un percorso che porterà a una rete di autorità di controllo nazionali che valuteranno le modalità di immissione in rete delle notizie.

Telegram rischia la maxi­multa. L’Autorità per le Comunicazioni potenzierà il suo regolamento in materia di diritto d’autore. Piattaforme come Telegram e WhatApp – scrive Repubblica – saranno presto obbligate a fermare i pirati. Su richiesta della nostra Autorità, dovranno rimuovere i giornali trafugati; in alternativa dovranno impedire che gli iscritti al gruppo possano scaricarli e leggerli. Se queste piattaforme dovessero ignorare l’ordine dell’Autorità, saranno sanzionate per almeno 10 mila euro. La sanzione massima arriverà al 2% del fatturato.

La sindaca di Parigi: «Non comprate libri su Amazon». Anne Hidalgo ieri ha invitato a non acquistare su Amazon per sostenere le librerie di Parigi colpite dal nuovo lockdown. «Lo dico davvero, ai parigini e alle parigine: non acquistate su Amazon, perché la multinazionale significa la morte delle nostre librerie e della nostra vita di quartiere». Intanto Bookshop.org, il sito di vendita online alternativo a Amazon, dagli Stati uniti sbarca in Uk con 130 librerie unite: il sito consente a lettori e lettrici di acquistare libri in internet sostenendo una libreria indipendente locale.

Natale, il 21% degli italiani comprerà sul web. Novembre è già tempo di regali di Natale, così racconta Kantar in una ricerca commissionata da eBay sulle abitudini dei consumatori. Per il 32% del campione lo shopping natalizio inizia con novembre. E aumentano in particolar modo i consumatori che compreranno sul web: sono il 21%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia digitale: nel 2020 oltre 9 milioni di utenti hanno usato i servizi online della PA per la prima volta

Italia digitale: nel 2020 oltre 9 milioni di utenti hanno usato i servizi online della PA per la prima volta

Entro fine anno il 5g raggiungerà 1 miliardo di persone. Ericcson: in Cina la fetta più grande di abbonati

Entro fine anno il 5g raggiungerà 1 miliardo di persone. Ericcson: in Cina la fetta più grande di abbonati

Top 20 influencer Instagram e TikTok: Michele Morrone e i Ferragnez sul podio di Instagram. Vacchi, i Madtrinity e gli Urban Theory dominano su TikTok

Top 20 influencer Instagram e TikTok: Michele Morrone e i Ferragnez sul podio di Instagram. Vacchi, i Madtrinity e gli Urban Theory dominano su TikTok