Mediaset cede Mediashopping. Le attività di televendita ed e-commerce passano a una cordata guidata da Marco Rosini

Mediaset completa la cessione di Mediashopping srl, società che era stata scorporata a fine estate
proprio in vista del processo di dismissione delle attività non core.

Il business delle televendite e di e-commerce è ora di proprietà di una cordata capitanata da Ortigia
Investimenti ed è guidata da Marco Rosini, ex direttore commerciale di Mediaset Premium ed ex dirigente del gruppo di Cologno.
Il nuovo assetto societario, spiega Radiocor,  vede al 51% Ortigia, società di Andrea Mastagni, imprenditore con esperienza di ristrutturazioni che diventerà presidente di Mediashopping. Il 30% sarà poi detenuto da Luxury Immobiliare, mentre due manager operativi completeranno la compagine azionaria: Rosini appunto avrà il 14% e sarà l’amministratore delegato, mentre Massimiliano Rega, che avrà le deleghe per lo sviluppo commerciale, parteciperà con una quota del 5%.
Nel 2019 Mediashopping, che detiene anche il marchio Aroma Vero (macchine da caffé e capsule), ha realizzato un fatturato di 16,4 milioni, con un margine gestionale vicino al milione di euro. Nell’operazione di scorporo, finalizzata alla cessione, Mediaset aveva valutato l’asset 855mila euro

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto