Investimenti pubblicitari online bene anche a settembre, +6,8%, e nel terzo quarter, +14,6%. Fcp-Assointernet: -7,1% da inizio anno

“Gli investimenti pubblicitari rilevati nell’ambito dell’Osservatorio Fcp-Assointernet registrano a Settembre una crescita del + 6,8%, terzo risultato positivo consecutivo, che porta quindi il dato cumulato del terzo quarter dell’anno al +14,6%.

In relazione invece ai primi nove mesi dell’anno, il dato progressivo si attesta ad un -7,1%, risultato che nel difficile contesto sociale e di mercato, conferma la vitalità del comparto digitale nell’ambito del media journey delle persone e conseguentemente nel media planning delle aziende.

Da un punto di vista dei settori merceologici, il mese di settembre segna il positivo andamento di numerosi comparti, a testimonianza che i buoni riscontri di fatturato rappresentano il frutto di una ripresa piuttosto articolata. Tale fenomeno si era già evidenziato nell’ultimo bimestre, ma a settembre ha conosciuto un ulteriore estensione. Si sono distinti in particolare Alimentari, Automobili, Farmaceutici, Finanza ed Assicurazioni, Telecomunicazioni. Cura Persona, Finanza ed Assicurazioni, Alimentari e Telecomunicazioni, confermano il segno positivo anche nell’andamento aggregato del periodo gennaio-settembre”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto