Expo 2030: il sindaco Raggi lancia la candidatura di Roma per ospitare l'evento

Condividi

Roma, insieme alle capitali di tutto il mondo, parteciperà a Expo Dubai 2020 per promuovere uno sviluppo urbano sano, green, economicamente sostenibile e inclusivo. “La nostra città si prepara così a candidarsi a ospitare Expo 2030”, annuncia su Facebook il sindaco della capitale Virginia Raggi.

Virginia Raggi (Photo by Andreas SOLARO / AFP)

Il primo cittadino romano, riporta Agi, ha anche evidenziato che la pandemia Covid “ha colpito prepotentemente la vita di tutti noi e questo ci ha messo di fronte a una sfida ancora più urgente: dobbiamo rilanciare il lavoro e l’economia perché troppe persone sono in difficoltà. Dobbiamo anche velocizzare alcuni processi che erano già in atto, come quello della rigenerazione urbana: il settore dell’edilizia può essere rilanciato sulla base di nuovi criteri di condivisione delle risorse e di rispetto dell’ambiente. Possiamo recuperare zone degradate delle nostre città. In questo momento è necessario reinvestire, rigenerare e ripartire per rendere le città sempre più vivibili e innovative”.
“Grazie alla rigenerazione urbana – continua Virginia Raggi – possiamo restituire ai cittadini luoghi abbandonati, non utilizzati o non più adeguati alle esigenze del territorio, valorizzando il patrimonio esistente. Sfide di questo tipo devono essere affrontate lavorando in sinergia con privati, imprenditori, università”.
“L’obiettivo – rileva il sindaco – “è mettere in campo azioni concrete per migliorare la vita dei nostri cittadini restituendo loro spazi abbandonati. È quello che abbiamo fatto per esempio con il programma ReinvenTIAMO Roma grazie al quale diverse aree di Roma verranno rigenerate, riqualificate e rinasceranno. La candidatura di Roma a Expo 2030, che presto ufficializzeremo, può rappresentare una grande occasione per il definitivo rilancio della città come grande capitale internazionale. È il momento di immaginare un futuro in cui Roma sia sempre più in grado di attrarre investimenti, creatività, grandi progetti di sviluppo sostenibile, innovazione, lavoro”.