Twitter e YouTube oscurano lo show di Steve Bannon, ex consigliere di Trump

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Steve Bannon oscurato da Twitter e YouTube. Il programma di Steve Bannon, ex consigliere di Donald Trump, è stato sospeso da Twitter, mentre un episodio rimosso da YouTube. I due social hanno oscurato lo show dopo che Bannon aveva incitato alla violenza contro il direttore dell’FBI Christopher Wray e il principale esperto di pandemia del governo, il dottor Anthony Fauci.

Single’s Day, prevendite da record. Alibaba -­ creatore del Single’s day, giornata cinese dello shopping online per eccellenza -­ quest’anno ha anticipato l’evento con una tre giorni (1-­3novembre) di “prevendite”. Risultato: più di 100 marchi hanno venduto prodotti per oltre 12 milioni di euro nei primi 111 minuti.

Ue verso la stretta sui big tech. Il 2 dicembre la Commissione varerà il Digital Services Act, un pacchetto normativo volto a favorire la concorrenza e a garantire la responsabilità nel mercato digitale europeo. La nuova disciplina rafforzerà i poteri antitrust di Bruxelles, scrive Milano Finanza.

Contenuti digitali, spesa a +20%. Nel 2019 gli italiani hanno speso quasi 1,8 miliardi di euro in contenuti digitali, una cifra in aumento del 20% su un anno prima, mentre l’e-­commerce b2c ha segnato un +15% e il gioco d’azzardo digitale +14%. Il dato è stato diffuso dalla prima edizione dell’Osservatorio Digital content del Politecnico di Milano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

Colao: Banda ultra larga a tutti in 5 anni. Attendiamo via libera per 900 milioni per imprese e cittadini

Colao: Banda ultra larga a tutti in 5 anni. Attendiamo via libera per 900 milioni per imprese e cittadini

Gedi verso il controllo di Huffington Post

Gedi verso il controllo di Huffington Post