Quotidiano di Sicilia celebra gli 80 anni del fondatore Carlo Alberto Tregua

Dopo aver celebrato, lo scorso dicembre, i quarant’anni della testata, il Quotidiano di Sicilia raddoppia e festeggia gli ottant’anni del fondatore, Carlo Alberto Tregua, con un’edizione speciale di 32 pagine in edicola sabato 7 novembre, che ripercorrerà una storia legata a doppio filo con l’editoria e il giornalismo.

Carlo Alberto Tregua

Nato a Catania l’8 novembre del 1940, iniziò a lavorare appena compiuti i diciott’anni. Nei sessantadue anni di attività lavorativa è stato, tra le tante cose, imprenditore, docente, esperto di economia e soprattutto, dal 1979 a oggi, fondatore e direttore del QdS. In quarant’anni nel mondo del giornalismo ha intervistato quasi tremila personalità internazionali, nazionali, regionali e locali, scrivendo oltre 4.300 editoriali.

Nello speciale di sabato, “80 voglia di…”, si approfondiranno, riporta Adnkronos, le questioni siciliane che da sempre hanno trovato spazio all’interno del Quotidiano di Sicilia, con un occhio particolare rivolto alla situazione attuale – economica, politica e sociale – e uno sguardo al futuro dell’Isola e alle sue potenzialità, con l’obiettivo di superare questi tempi bui da pandemia e ripartire il più in fretta possibile.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto