Lockdown differenziato = ascolti tv differenziati? Il caso Dpcm: in linea Calabria, Lombardia, Sicilia, meno Toscana, Lazio e Campania

Dimmi di che colore è la tua regione e ti dirò di quanto crescono gli ascolti in quel territorio. L’assioma, la teoria deduttiva regge, ma fino ad un certo punto, nel primo fine settimana del lockdown differenziato. Che subito ha prodotto – come era lecito aspettarsi – un congruo aumento della penetrazione del mezzo tv nel nostro Paese. Nell’intera giornata, domenica 8 novembre, l’audience è stata di oltre 13,2 milioni di spettatori complessivi, in aumento del 6,5% rispetto alla domenica precedente.

La tv generalista e quella pay hanno proposto una griglia abbastanza standard, con la fiction evento L’Allieva, i soliti programmi d’intrattenimento live con Barbara D’Urso, Massimo Giletti e Fabio Fazio in prima serata, i grandi contenitori e tanto sport e calcio in day time.  I risultati però sono stati sensibilmente migliori di quelli della volta precedente e di un anno prima.

Riusciranno le concessionarie e gli editori della tv a ‘vendere’ questo aumento del proprio pubblico di riferimento?

In prima serata gli spettatori davanti ai teleschermi, sono saliti oltre quota 27,8 milioni, con un saldo positivo del 5,3% rispetto a sette giorni prima. I dati di crescita sono ancora più robusti – dicono i dati elaborati con il supporto di Studio Frasi – se si confrontano con quelli della domenica omogenea del 2019 (10 novembre): il bilancio è del +13,8% per quello che riguarda l’intera giornata e del +11,2% per quello che riguarda la prima serata.

Riusciranno le concessionarie tv a monetizzare questi incrementi? E’ difficile dirlo. In primavera, nonostante dinamiche simili, il costo per grp della tv era inevitabilmente crollato causa declino robusto e generalizzato della domanda di spazi.

Obbedienti e ‘disobbedienti’

Ma un altro tema interessante legato alle dinamiche degli ascolti televisivi della prima domenica in situazione di mobilità ridotta (in maniera differenziata lungo la nostra Penisola), è quello legato ad un ipotetico effetto-convincimento diverso del DPCM nella varie aree del Paese. L’idea è cioè quella che si possa dedurre – dalle performance della tv – anche una sorta di coefficiente territoriale di aderenza maggiore o minore ai limiti imposti dal governo alla possibilità di uscire da casa.

Il dato splittato su base ‘regionale’ degli incrementi di pubblico nell’intera giornata, dice ad esempio che rispetto alla settimana precedente gli ascolti sono cresciuti del 17,2% in Calabria (regione arancione), del 13,5% in Lombardia (regione rossa), del 13,2% in Sicilia (regione arancione), decisamente sopra la media nazionale.

Le regioni meno ‘obbedienti’, quelle cioè – tra le big per popolazione – che hanno guardato meno o poco la tv, rispetto alla settimana precedente, nonostante il lockdown differenziato?

Il dato più eclatante è quello della Toscana, dove addirittura l’ascolto è calato rispetto a sette giorni prima (-2%). Ma sono ugualmente indicative le crescite molto ridotte degli ascolti – nettamente sotto media nazionale – di Lazio (solo +2,3%) e Campania (solo +1%).

Del resto le immagini del centro storico affollato a Roma questa domenica e quelle dei litorali e delle passeggiate densamente frequentati a Napoli, nonostante le emergenze nei pronto soccorso di queste stesse metropoli, confermano quanto il dato tv contribuisce a fare intendere.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia digitale: nel 2020 oltre 9 milioni di utenti hanno usato i servizi online della PA per la prima volta

Italia digitale: nel 2020 oltre 9 milioni di utenti hanno usato i servizi online della PA per la prima volta

Entro fine anno il 5g raggiungerà 1 miliardo di persone. Ericcson: in Cina la fetta più grande di abbonati

Entro fine anno il 5g raggiungerà 1 miliardo di persone. Ericcson: in Cina la fetta più grande di abbonati

Top 20 influencer Instagram e TikTok: Michele Morrone e i Ferragnez sul podio di Instagram. Vacchi, i Madtrinity e gli Urban Theory dominano su TikTok

Top 20 influencer Instagram e TikTok: Michele Morrone e i Ferragnez sul podio di Instagram. Vacchi, i Madtrinity e gli Urban Theory dominano su TikTok