Stampa, i dati Ads di diffusione e vendita a settembre di quotidiani, settimanali e free press e ad agosto dei mensili

Sono disponibili i nuovi dati mensili stimati dagli Editori, riferiti al mese di settembre 2020 per quotidiani, settimanali e free press, e al mese di agosto 2020 per i mensili.

QUOTIDIANI*
I dati dei quotidiani di settembre (.xls)

SETTIMANALI
I dati dei settimanali di settembre (.xls)

MENSILI
I dati dei mensili a agosto (.xls)

FREE PRESS
I dati della stampa gratuita di settembre (.xls)

*NB: la tabella è stata aggiornata da Ads il 10 novembre, con una correzione sul dato mensile stimato relativo al mese di Settembre 2020 della testata il Giornale, rettificata dall’editore, per un errore sulle rese.

Le classifiche e i trend dei quotidiani elaborate da Primaonline.it sui dati Ads, realizzate da L’Ego Editoriale per Primaonline.it. 

TOTALE DIFFUSIONE CARTA + DIGITALE – Confronto mese su mese: settembre (stimati) VS agosto (stimati)

TOTALE DIFFUSIONE CARTA + DIGITALE – Confronto anno su anno: settembre 2020 (stimati) VS settembre 2019 (contabili)

VENDITA IN EDICOLA – Confronto anno su anno, settembre 2020 (stimati) VS settembre 2019 (contabili)

In caso di ripresa delle classifiche, si prega di citare e linkare la fonte Primaonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto