Spotify: accordo da 235 milioni di dollari per Megaphone, società di podcast e pubblicità

Spotify si allarga ancora nel mercato dei podcast. La compagnia ha annunciato di aver concluso un accordo da 235 milioni di dollari per l’acquisto di Megaphone, piattaforma di pubblicità e podcast.

Nata come produttore di contenuti audio con il nome di Panoply, la società si focalizza nell’aiutare i creatori di podcast a valutare parametri relativi a produzione, inserzioni pubblicitarie e pubblico. Con il suo marketplace inserisce degli annunci quando viene scaricato un podcast e consente agli inserzionisti di rivolgersi agli ascoltatori in base a interessi, comportamento di acquisto e dati demografici nelle app. Invece di acquistare tempo per la pubblicità su podcast specifici, i marchi possono quindi acquistare spazi pubblicitari mirati a 60mila segmenti di pubblico per gli oltre 5.500 spettacoli che utilizzano il servizio.

Daniel Ek, ceo e fondatore di Spotify

Spotify, che sta cercando di espandersi nel segmento dei podcast da due anni – con le precedenti acquisizioni di Gimlet Media, Anchor, Parcast Studios e Bill Simmons’s The Ringer al suo portafoglio – ora ha più di 1,9 milioni di podcast sul suo servizio streaming, e ha dichiarato che il 22% dei suoi utenti attivi mensilmente ascoltano i suoi podcast.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Prime Video, ecco la squadra per la Champions e la Supercoppa. Tante star ‘condivise’

Prime Video, ecco la squadra per la Champions e la Supercoppa. Tante star ‘condivise’

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta-digitali di quotidiani e settimanali a giugno, mensili a maggio

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta-digitali di quotidiani e settimanali a giugno, mensili a maggio

Gazzetta del Mezzogiorno, appello della Regione Puglia. La società affittuaria della testata: Attendiamo iniziativa delle Curatele fallimentari

Gazzetta del Mezzogiorno, appello della Regione Puglia. La società affittuaria della testata: Attendiamo iniziativa delle Curatele fallimentari