Google Foto sarà a pagamento. Gratis solo per chi si accontenta di 15 GB

Google ha deciso di porre fine all’offerta di spazio illimitato per archiviare le foto. Il colosso di Mountain View ha annunciato che a partire dal primo giugno gli utenti di Google Foto avranno a disposizione soltanto 15 GB.

Sundar Pichai, ceo di Google (Foto Ansa – EPA/RAJAT GUPTA)

Adesso, invece, per gli scatti caricati su Google Foto in alta qualità (con risoluzione sotto i 16 megapixel) non ci sono limiti.
A partire da giugno, riporta Ansa, tutti file archiviati sul cloud di Google – i messaggi di Gmail, i documenti di Google Drive e le foto – concorreranno al conteggio del “peso”, e la loro somma non dovrà superare i 15 GB. Raggiunto tale limite, per poter continuare a conservare i file bisognerà liberare spazio cestinando quelli non necessari, oppure comprare spazio aggiuntivo.
Google ha comunque spiegato che le foto archiviate prima del prossimo giugno sono “salve”, e cioè lo spazio che occupano non sarà conteggiato.
“Negli ultimi dieci anni Gmail, Google Drive e Google Foto hanno aiutato miliardi di persone a memorizzare e gestire in modo sicuro e-mail, documenti, foto, video e altro ancora. Oggi – evidenzia la società – le persone caricano più contenuti che mai: ogni giorno vengono aggiunti oltre 4,3 milioni di GB su Gmail, Drive e Foto. Queste modifiche alla nostra politica di archiviazione sono necessarie per fornire ai nostri utenti un’esperienza ottima e per stare al passo con la crescente domanda”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elisabetta Ripa: Italia al terzo posto in Europa per copertura Ftth grazie a Open fiber e secondo Paese per crescita

Elisabetta Ripa: Italia al terzo posto in Europa per copertura Ftth grazie a Open fiber e secondo Paese per crescita

Debuttano in Italia i negozi Sky. Si parte domani a Milano in corso Buenos Aires, seguiranno Roma, Napoli e Brescia

Debuttano in Italia i negozi Sky. Si parte domani a Milano in corso Buenos Aires, seguiranno Roma, Napoli e Brescia

Facilitare l’accesso ai fondi e stimolare gli investimenti, il piano Ue per i Media. Vestager: aiuto al settore, sfruttando il digitale

Facilitare l’accesso ai fondi e stimolare gli investimenti, il piano Ue per i Media. Vestager: aiuto al settore, sfruttando il digitale