Hearst riorganizza il digitale: nascono l’area Global Luxury & Fashion Brands Digital e il desk centrale per video e visual

Riorganizzazione per la struttura digital di Hearst. A dare una spinta, il fatturato digital, che, spiega l’editrice nella nota che illustra le novità, si attesta oltre al 30% della raccolta pubblicitaria totale, con risultati positivi per tutti i brand del gruppo – Elle, Marie Claire, Elle Decor, Esquire, Cosmopolitan e Harper’s Bazaar – e previsioni per il secondo semestre di una crescita fra il 28-30% rispetto al 2019.
Numeri questi ultimi che hanno portato Giacomo Moletto, country manager Hearst Italia – con Massimo Russo, managing director content & consumer experience, e Simona Zanette, ad di Hearst Digital CH – a “impostare una revisione dell’assetto strategico e organizzativo in grado, si spiega nel dettaglio, di sviluppare ulteriormente il settore”.

Nella foto: Giacomo Moletto, Simona Zanette e Massimo Russo

Tre le novità. In primo luogo, la creazione di un’area Global Luxury & Fashion Brands Digital composta da Elle, Esquire e Harper’s Bazaar, affidata ad Alan Prada. Mantenendo le funzioni di direttore di Esquire, nella versione print e digital, e di Harper’s Bazaar, Prada diventa editorial director global luxury & fashion brands digital. Nel ruolo sarà affiancato da Barbara Digiglio, managing editor global luxury & fashion brands digital, e gli sarà affidata anche la gestione digitale del brand Elle.

La seconda novità riguarda Paola Di Marcantonio – fino ad ora digital managing editor di Elle -, che diventa director di Cosmopolitan Digital, il brand Hearst dedicato ai target femminili 18-35. Cosmopolitan, continua la nota, proseguirà il proprio sviluppo social iniziato negli ultimi due anni, che ha visto anche il lancio del marchio su TikTok.

Viene poi costituita un’area video e visual, con un desk centrale ad hoc, specializzato nella produzione e distribuzione di questo tipo di contenuti. Al suo comando Valentina Ciannamea, che lascia la responsabilità del sito di Cosmopolitan per assumere la carica di visual desk managing editor.

“Questa riorganizzazione dell’area dei contenuti ci permette di essere più efficienti ed efficaci nell’affrontare le nuove sfide determinate dal continuo evolversi del mondo digitale”, ha commentato Simona Zanette. “Oltre a rafforzare la nostra capacità di offrire non solo spazi pubblicitari, ma vera e propria consulenza, per costruire progetti di comunicazione su misura”.

“Vogliamo essere la casa editrice che accompagna, sostiene e intrattiene lettori e spettatori, aiutandoli a trovare piccole e grandi gioie e ragioni per essere ottimisti in ogni momento della loro vita”, ha spiegato Moletto. “Tenendo presente questa missione, siamo riusciti a coinvolgere online un’audience sempre più ampia e motivata anche in un anno sfidante come questo, con un lavoro che ha premiato sia chi ogni giorno si è impegnato per creare contenuti originali e innovativi sia i partner”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tokyo 2020: dal rinvio costi aggiuntivi per 1,6 miliardi di euro. Si cerca accordo tra comitato organizzatore e governo

Tokyo 2020: dal rinvio costi aggiuntivi per 1,6 miliardi di euro. Si cerca accordo tra comitato organizzatore e governo

Cartoon Network lancia ‘What a cartoonist!’, call to action dedicata alla ricerca di nuove idee creative per format tv e videogiochi

Cartoon Network lancia ‘What a cartoonist!’, call to action dedicata alla ricerca di nuove idee creative per format tv e videogiochi

A+E Networks Italia e Sky Italia rinnovano la partnership ventennale. Canali e raccolta ancora con il gruppo di Santa Giulia

A+E Networks Italia e Sky Italia rinnovano la partnership ventennale. Canali e raccolta ancora con il gruppo di Santa Giulia