Malcom Pagani lascia Vanity Fair per diventare direttore creativo ed editoriale di Tendercapital Productions

Malcom Pagani ha deciso di lasciare la vice direzione di Vanity Fair e di tornare a Roma per  entrare in Tendercapital Productions come direttore creativo ed editoriale esercitando anche la funzione di Vicepresidente Esecutivo per l’Italia.

Continuerà a collaborare con il settimanale di Condè Nast come editor al large, come scrive il direttore Simone Marchetti nell’editoriale del prossimo numero.

Malcom Pagani

Pagani conosce molto bene l’ambiente del cinema italiano e aveva contribuito a portare i suoi protagonisti sulle pagine di Vanity Fair con interviste e collaborazioni, come il numero firmato dal regista Paolo Sorrentino.

“Metto a disposizione di Tendercapital Productions e di Moreno Zani, che ringrazio, la mia esperienza e il mio entusiasmo”, commenta Malcom Pagani:, “abbraccio questo progetto in un momento storico molto interessante, in un settore che subirà profondi cambiamenti e nel quale creatività, innovazione e contenuti offriranno opportunità fino ad oggi inimmaginabili”.

“Conosco Malcom da diversi anni e sono lieto che si unisca al nostro team. Sono certo che saprà definire in modo solido ed efficace le linee editoriali del Gruppo esaltando qualità e innovazione, tra i capisaldi di Tendercapital Productions”, dice Moreno Zani, Chairman di Tendercapital.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto