Appello degli editori alla politica: in Manovra misure insufficienti; per difendere informazione e pluralismo serve azione forte

Il Consiglio generale della Federazione Italiana Editori Giornali ha approvato una risoluzione con la quale invita il Parlamento a “intervenire con un’azione forte a difesa dell’informazione cartacea e online e del pluralismo” e chiede “a tutte le forze politiche presenti in Parlamento, sia di maggioranza sia di opposizione, un immediato confronto sulla gravità della situazione e per la individuazione dei necessari interventi”.

La risoluzione è stata adottata alla luce della crisi dell’editoria aggravata dalla pandemia e a seguito “delle misure proposte dal sottosegretario Martella solo in minima parte recepite nella Legge di Bilancio” e degli interventi previsti in manovra, ritenuti “assolutamente insufficienti anche alla luce delle esperienze di altri Paesi europei”.

Andrea Riffeser Monti
(Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Gli editori, inoltre, “confermano l’impegno a salvaguardare e garantire: il pluralismo e la qualità dell’informazione cartacea ed online; la capillare diffusione della stampa sull’intero territorio nazionale; i livelli occupazionali messi a rischio dalla marcata riduzione dei ricavi complessivi”.

Nel corso del Consiglio è stata, infine, decisa la pubblicazione di una lettera aperta a tutti i parlamentari per rivendicare “la necessità di aziende dell’informazione economicamente libere ed indipendenti da qualsiasi condizionamento esterno di natura finanziaria o politica”.

“L’appello degli editori a Parlamento e forze politiche è dettato dalla necessità di proseguire sulla strada del contrasto alla crisi del settore. Non si può avviare una impresa e poi rallentare bruscamente”, ha commentato Andrea Riffeser Monti a margine del Consiglio generale. “Il Governo, in primis il Sottosegretario Martella, con il sostegno del Parlamento ha varato, prima con la legge di bilancio 2020 e poi nei decreti sull’emergenza Covid, misure di sostegno al settore. Importanti ed utili. Di questo abbiamo e diamo atto. Un percorso è stato avviato. Si tratta ora di assicurare continuità prima di tutto a quegli interventi come il credito per l’acquisto della carta delle pubblicazioni e l’agevolazione sull’iva e quindi prevedere misure nuove ed adeguate alla attuale situazione di crisi anche di liquidità delle imprese. Chiediamo – ha concluso Riffeser – di proseguire con uno importante stanziamento di risorse dirette alle imprese, per salvaguardare e garantire pluralismo e qualità nell’informazione”.

ECCO L’APPELLO FIEG ALLE FORZE POLITICHE

Roma, 17 Novembre 2020 – Il Consiglio generale della Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), riunitosi oggi a Roma sotto la presidenza di Andrea Riffeser Monti, ha approvato la seguente risoluzione:

Considerata la crisi dell’editoria aggravata dalla Pandemia Covid-19;

Preso atto delle misure proposte dal Sottosegretario Martella solo in minima parte recepite nella Legge di Bilancio;

Ribadita l’assoluta insufficienza degli interventi allo stato previsti nella Legge di Bilancio anche alla luce delle esperienze di altri Paesi europei;

Confermato l’impegno degli editori a salvaguardare e garantire:

  1. il pluralismo e la qualità dell’informazione cartacea ed online;
  2. la capillare diffusione della stampa sull’intero territorio nazionale;
  3. i livelli occupazionali messi a rischio dalla marcata riduzione dei ricavi complessivi.

INVITA

Il Parlamento ad intervenire con un’azione forte a difesa dell’informazione cartacea e online e del pluralismo.

CHIEDE

A tutte le forze politiche presenti in Parlamento, sia di maggioranza sia di opposizione, un immediato confronto sulla gravità della situazione e per la individuazione dei necessari interventi.

Nel corso del Consiglio è stata inoltre decisa la pubblicazione di una lettera aperta a tutti i parlamentari per rivendicare la necessità di aziende dell’informazione economicamente libere ed indipendenti da qualsiasi condizionamento esterno di natura finanziaria o politica.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’inclusione premia le aziende. E una ricerca di Diversity testimonia la crescita, anche in epoca Covid

L’inclusione premia le aziende. E una ricerca di Diversity testimonia la crescita, anche in epoca Covid

Licenziato per un post “denigratorio” su Facebook. L’azienda apre al reintegro dopo “adeguate scuse”

Licenziato per un post “denigratorio” su Facebook. L’azienda apre al reintegro dopo “adeguate scuse”

Dalle news del Sole 24 Ore al Corriere, da Fedez a Michela Murgia: Amazon Music lancia i podcast in Italia

Dalle news del Sole 24 Ore al Corriere, da Fedez a Michela Murgia: Amazon Music lancia i podcast in Italia