Web Tax, Gentiloni: proposta Ue senza accordo globale. Giganti tech vincitori con pandemia: stop tassazione legata a presenza fisica

E’ “assolutamente necessario” fare passi avanti su una digital tax sui profitti dei colossi del web e la Commissione europea “si è impegnata formalmente con il Parlamento europeo a fare la sua proposta entro il primo semestre 2021, se non si arriva a un’intesa globale a livello Ocse-G20”. Lo ha detto il Commissario europeo agli Affari economici Paolo Gentiloni durante un’audizione alle commissioni riunite Finanze e Politiche ue della Camera.

Paolo Gentiloni (Foto Ansa – EPA/Francisco Seco / POOL Pool)

“Una tassa sul digitale ha visto rafforzate le sue ragioni in modo enorme in questi ultimi terribili mesi”, ha spiegato Gentiloni. “I giganti del web in fondo sono stati i veri vincitori di questa pandemia, incrementando profitti e capitalizzazioni di borsa, ma tutto ciò continua a convivere con un sistema di tassazione del secolo scorso, legato alla presenza fisica delle imprese”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto