Angelo Sticchi Damiani confermato alla presidenza di Aci – Automobile Club d’Italia

 Angelo Sticchi Damiani è stato confermato dall’assemblea dell’ACI presidente dell’Automobile Club d’Italia.

Ingegnere civile, di origine leccese, Sticchi Damiani per il suo terzo mandato – che durerà dal 2021 al 2024 – ha ottenuto oltre il 94%dei voti.
Negli anni, il presidente si è impegnato su diversi fronti. In primo luogo la digitalizzazione del Pra,
che permette oggi di richiedere oltre l’80% delle operazioni da remoto, con in più una notevole semplificazione di pratiche, dal pagamento del bollo al soccorso stradale, alla scadenza della patente.

Angelo Sticchi Damiani

Un altro punto di forza della presidenza Sticchi Damiani è stato l’impegno – con la creazione dei Centri di Guida Sicura e con diverse campagne d’informazione – per la sicurezza stradale, in primis quella di pedoni e ciclisti. Se l’impegno dell’ingegnere ha contribuito a conservare in Italia le più importanti competizioni internazionali, a partire dal Gran Premio di Monza di Formula 1, il lavoro più importante è però quello fatto guardando al futuro, alla mobilità di domani e quindi alle nuove tecnologie auto elettriche, semi-elettriche, a guida autonoma, connesse – che serviranno a ridurre l’inquinamento, aumentare la sicurezza e migliorare la sostenibilità economica. Non a caso ACI è stato il primo a portare il car sharing in Italia e il primo a realizzare una rete di ricarica per auto elettriche.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech