Google pagherà alcuni editori francesi per i contenuti pubblicati online. E proseguono le trattative per un accordo quadro

Google ha annunciato oggi la firma di un accordo con “un certo numero di editori della stampa quotidiana e di magazine francesi”, tra cui Le Monde, Courrier International, L’Obs, Le Figaro, Libération, e L’Express, nel quadro dei negoziati sui cosiddetti diritti connessi al diritto d’autore.

“Siamo attualmente in contatto con numerosi altri attori della stampa quotidiana nazionale e regionale, come anche della stampa magazine”, aggiunge il colosso Usa in un messaggio pubblicato sul blog. Questi diritti connessi prevedono una remunerazione per i contenuti degli editori (in particolare, foto e video) utilizzati dalle piattaforme on-line.

Sundar Pichai, ceo di Google (Foto Ansa )

Oltre a questi primi accordi individuali, Google continua a trattare con l’Alliance de la Presse d’Information Générale su un accordo quadro. I negoziati dovrebbero arrivare a conclusione “prima della fine dell’anno”.

In un primo tempo, Google si era rifiutato di pagare la stampa francese, scatenando un braccio di ferro con il settore. L’authority per la concorrenza ha poi ingiunto il gruppo statunitense a negoziare con gli editori. Una decisione confermata dalla Corte d’appello di Parigi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Prime Video, ecco la squadra per la Champions e la Supercoppa. Tante star ‘condivise’

Prime Video, ecco la squadra per la Champions e la Supercoppa. Tante star ‘condivise’

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta-digitali di quotidiani e settimanali a giugno, mensili a maggio

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta-digitali di quotidiani e settimanali a giugno, mensili a maggio

Gazzetta del Mezzogiorno, appello della Regione Puglia. La società affittuaria della testata: Attendiamo iniziativa delle Curatele fallimentari

Gazzetta del Mezzogiorno, appello della Regione Puglia. La società affittuaria della testata: Attendiamo iniziativa delle Curatele fallimentari