Corte dei conti Ue: tempi di indagine troppo lunghi, serve un Antitrust più forte

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Google pagherà gli editori francesi. Google ha annunciato ieri la firma di un accordo con «un certo numero di editori della stampa quotidiana e di magazine francesi», tra cui Le Monde, Courrier International, L’Obs, Le Figaro, Libération, e L’Express, nel quadro dei negoziati sui cosiddetti diritti connessi al diritto d’autore.

Satispay apre le porte a Tencent e Telecom. TIM Ventures, Square, Tencent e Lgt Lightstone Ventures entrano nell’azionariato di Satispay. Gli investitori – scrive oggi Il Sole 24 Ore – entreranno nel capitale attraverso un round di finanziamenti di 93 milioni.

Antitrust Ue lenta sui big tech. Lo dice a chiare lettere la Corte dei Conti Europea in un report diffuso ieri: i tempi delle indagini dell’Antitrust Ue (guidato da Margrethe Vestager) sono troppo lunghi e finiscono per vanificarne l’efficacia, a tutto vantaggio dei big tech, che dominano i mercati digitali eliminando i rivali. “La Commissione europea deve innalzare il controllo antitrust per tener testa alla globalizzazione e alla digitalizzazione” e “migliorare la propria capacità di rilevare in maniera proattiva le violazioni”.

BuzzFeed compra HuffPost. Le nozze uniscono due colossi dei media digitali a caccia di lettori e ricavi per superare le difficoltà che, finora, erano proprie solo dei media tradizionali. L’acquisizione rientra in un’operazione più ampia che vede Verizon Media, proprietario di HuffPost, diventare azionista di minoranza di BuzzFeed.

«È ora che il diritto a Internet sia garantito dalla Costituzione». A parlare, in un’intervista a Repubblica, è Marianna Madia, ex ministra e responsabile Innovazione del Partito Democratico. Perché adesso? «Perché il digitale rischia sempre di essere percepito come un tema di nicchia e invece la pandemia ci sta mostrando che è uno spartiacque fra inclusione ed esclusione sociale. Chi non è connesso non può più esercitare pienamente i suoi diritti di cittadinanza; dal digitale dipendono il diritto al lavoro, alla salute, all’istruzione e all’informazione». La proposta è di inserire un comma all’art.21 della Costituzione: «Tutti hanno eguale diritto di accedere alla rete Internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate tali da favorire la rimozione di ogni ostacolo di ordine economico e sociale».

Facebook e le fake news sul virus. «Tra marzo e ottobre 2020 abbiamo rimosso più di 12 milioni di contenuti su Facebook e Instagram per informazioni errate che potevano portare a danni fisici, come cure false o esagerate»: lo ha detto Guy Rosen, vicepresidente di Facebook, ad una conference call. «Durante questo periodo ­ ha aggiunto ­ abbiamo anche messo un alert su circa 167 milioni di contenuti su Facebook, basati su articoli di verifica relativi al coronavirus scritti dai nostri partner di fact­checking».

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech