- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Metro: revocato il licenziamento di una giornalista

Metro ha revocato il licenziamento di una giornalista, articolo 2 in aspettativa, comunicato lo scorso 5 novembre [1]. La redazione, riunita in assemblea, aveva reagito dichiarando subito un giorno di sciopero così motivato dal Cdr: “La collega aveva chiesto il rinnovo dell’aspettativa per poter continuare svolgere un altro incarico, ma le è stato negato. Nella lettera di licenziamento si parla di giusta causa per violazione dell’esclusiva, che non era prevista nel contratto di assunzione e comunque non riguarda più anche i giornalisti art. 1 in contratto di solidarietà e ora in Cassa Covid”.

Ora l’Associazione Stampa Romana, che ha condotto la trattativa assieme al Cdr, annuncia in un comunicato: “L’azienda ha riconosciuto le ragioni della collega e la conseguente azione del sindacato. La decisione di revocare il licenziamento, infatti, è frutto dell’azione determinata del sindacato tra comitato di redazione, l’assemblea dei giornalisti di Metro e stampa romana, incluse le pari opportunità.
“Diamo atto all’azienda di essere tornata sui suoi passi con un chiaro riscontro dell’interesse editoriale per una chiusura positiva della vertenza. Stampa Romana si augura d’ora in poi di avere con l’editore corrette relazioni sindacali al fine di salvaguardare gli interessi della redazione e con essi la qualità del prodotto”.

Intanto dopo la momentanea riduzione della distribuzione a Milano nella settimana dal 9 al 13 novembre, decisa dall’editore “per cercare di contribuire al contenimento della diffusione del virus in Lombardia”, il free paper è rapidamente tornato alla regolare distribuzione quotidiana.