Rassegne Stampa: accordo tra Promopress (Fieg) e L’Eco della Stampa

Gli Editori aderenti al Repertorio Promopress e l’agenzia di media monitoring L’Eco della Stampa annunciano di aver siglato un contratto di abbonamento per disciplinare il contenuto, le modalità e le condizioni per la fornitura del flusso digitale degli articoli pubblicati sulle testate cartacee e digitali aderenti al Repertorio.

L’accordo tra Promopress (società di servizi di FIEG) e L’Eco della Stampa, informa una nota, è il primo frutto di una nuova fase di dialogo tra le parti, – fase promossa dai rispettivi legali, Avvocati Marco Annecchino e Lorenzo Biglia – volta a far leva sui valori
condivisi e così raggiungere un’intesa che regolamenta, secondo condizioni in linea con quanto previsto per le altre imprese operanti nel settore, riproduzione e comunicazione degli articoli compresi nel Repertorio, per l’esclusiva e specifica finalità di realizzare e fornire, in Italia e all’estero, rassegne stampa ai propri clienti.

Repertorio Promopress (cui aderiscono 64 Aziende editoriali con 381 testate) è il marchio dell’attività di gestione dei diritti d’autore di Promopress 2000 Srl, società di servizi della FIEG – Federazione Italiana Editori Giornali.
L’Eco della Stampa SpA (180 dipendenti e circa 18milioni complessivi di fatturato) nata a Roma nel 1901 come agenzia di ritagli stampa è il più grande operatore italiano di media monitoring (da stampa, web, social media, radio e tv) e media analysis.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): lo spostamento del calcio dal satellite alla fibra velocizzerà il passaggio del clienti sulla Rete

Gubitosi (Tim): lo spostamento del calcio dal satellite alla fibra velocizzerà il passaggio del clienti sulla Rete

Minacce a Mattarella. Il prof Gervasoni indagato per vilipendio: è legittima critica; i social erano spazio di libertà, ora deriva liberticida

Minacce a Mattarella. Il prof Gervasoni indagato per vilipendio: è legittima critica; i social erano spazio di libertà, ora deriva liberticida

Il Parlamento Ue studia nuove norme anti Slapp, le azioni legali “bavaglio”: Importante rafforzare libertà dei media

Il Parlamento Ue studia nuove norme anti Slapp, le azioni legali “bavaglio”: Importante rafforzare libertà dei media