Il Piemonte vorrebbe tassare Amazon: il Presidente Cirio ha proposto una web tax fino al 30%

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Hig punta a un polo It da 500 milioni, scrive il Corriere della Sera. L’information technology quale settore da presidiare e consolidare sfruttando il momento economico e la crescita del settore. È questa una delle priorità di Hig Capital, il fondo di private equity che vuole dare vita a un polo nazionale dell’It e della cyber security definendo nei prossimi anni altre quattro acquisizioni nel settore per arrivare a dare vita a un gruppo da 500 milioni di giro d’affari aggregato.

Digitale, l’avanzata di cloud e IoT. La gestione dell’emergenza sanitaria ha sostenuto il business dei comparti più innovativi: fra tutte le tecnologie emerge un comune denominatore che sta nell’aver contribuito, in misura più o meno importante, a gestire le criticità dell’emergenza sanitaria (ad esempio il cloud computing). Il settore, secondo lo scenario più probabile e grazie al relativo recupero nella seconda metà dell’anno, è atteso chiudere in calo per non più del 2%, a 70,5 miliardi di euro. La crescita – scrive Il Sole 24 Ore – dovrebbe tornare nel 2021 e 2022.

La rete unica ora può rimettersi in marcia. Dopo settimane di suspense, culminate in un’accorata lettera del governo recapitata lunedì al cda dell’Enel in corso, l’operatore elettrico appare ormai deciso: venderà, e tutto intero, il suo 50% della società della fibra.

Il Piemonte vuole tassare Amazon. Il presidente Alberto Cirio ha lanciato la proposta di una web tax fino al 15% “in tempi di pace” e al 30% “in tempi di guerra”, ovvero nelle zone rosse. L’obiettivo è portarla in Parlamento come modifica alla legge di Bilancio.

Troppe fake news durante il Covid. Secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio sul giornalismo dell’Agcom, i tre quarti (73%) dei giornalisti si sono imbattuti in casi di disinformazione durante l’emergenza sanitaria. La fonte principale di disinformazione è Facebook (88%), mentre per più della metà dei giornalisti sono le chat di Whatsapp (55%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

<strong> Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio </strong> Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano