Chrome senza cookie di terze parti? I progetti ‘aperti’ di Google in prospettiva 2022

Era del digital adv senza cookie? Cosa farà Chrome – che ha una penetrazione stimata del mercato al 70-75% – su questo fronte così delicato? Ebbene, con timing 2022 Google propone a tutti gli attori del mercato – gli spender, ma soprattutto i publisher e tutti gli altri soggetti attivi nell’articolata filiera della pubblicità così profilata – la collaborazione in Privacy Sandbox. Un progetto che conta pure di sincronizzarsi naturalmente con le eventuali normative nazionali e internazionali di riferimento che nel frattempo si creeranno.

Ha incontrato ‘virtualmente’ la stampa per affrontare questi temi critici Nicola Roviaro, Head of EMEA Data Privacy Specialists, che guida un team di specialisti che supporta gli investitori pubblicitari che lavorano con Google, le agenzie e i partner in Europa, Medio Oriente e Africa a collaborare “in un ecosistema che tenga al centro la privacy, e che valorizzi la trasparenza, la fiducia e l’importanza di offrire strumenti chiari per gli utenti”.

La premessa e la prospettiva

Gli annunci pubblicitari giocano un ruolo fondamentale nel sostenere il web così come lo conosciamo. Gli investimenti in pubblicità rendono infatti possibile l’esistenza della maggior parte dei contenuti e dei servizi online a cui ci rivolgiamo ogni giorno. Insieme a Google, sono molte le società che operano in questo spazio, offrendo una grande varietà di scelta sia agli investitori pubblicitari che ai publisher: in media, un inserzionista utilizza contemporaneamente 4 piattaforme per distribuire la propria pubblicità (Demand Side Platforms, DSP), mentre un publisher di grandi dimensioni può arrivarne a usare fino a 6 per ospitare annunci sul proprio sito (Sell Side Platform, SSP). Un elemento chiave per finanziare i siti che ospitano pubblicità e per gli editori sono i cookie, linee di codice che contribuiscono a rendere un servizio, inclusa una pubblicità, più rilevante per gli utenti. In ambito pubblicitario, permettono di monetizzare meglio i contenuti e – secondo un’analisi recente – quando una pubblicità è meno rilevante a causa della rimozione dei cookie, i ricavi per i publisher si riducono in media del 52 percento.

“Questa dinamica – ha spiegato Roviano – rischia tuttavia di compromettersi se le pratiche pubblicitarie non soddisfano le aspettative degli utenti sul modo in cui i dati vengono raccolti e utilizzati. Per questo Chrome ha introdotto Privacy Sandbox, un’iniziativa di collaborazione con l’intero settore per raggiungere solidi standard sulla privacy e allo stesso tempo permettere a chi crea contenuti di monetizzarli adeguatamente”. L’obiettivo è quindi quello di superare la dinamica dei dati personali, continuando a offrire pubblicità rilevanti. E la proposta di base su cui Google sta lavorando si chiama Federated Learning of Cohorts (FLoC), che utilizza algoritmi di machine learning eseguiti a livello del singolo dispositivo – quindi senza condividere dati personali – per modellare raggruppamenti basati sugli interessi delle persone in modo anonimo e facendo a meno di profili individuali. “Aiutare le aziende a crescere insieme a un web rispettoso della privacy – ha dichiarato Roviano – non è solo una buona pratica imprenditoriale, ma rappresenta anche un motore per la ripresa economica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Google, da Antitrust multa da 100 milioni di euro per abuso di posizione dominante. Big G: rispettosamente in disaccordo

Google, da Antitrust multa da 100 milioni di euro per abuso di posizione dominante. Big G: rispettosamente in disaccordo

Malagò confermato presidente Coni 2021-2024: ultimo mandato, non mi risparmierò. Gravina (Figc), contento che calcio torni in giunta

Malagò confermato presidente Coni 2021-2024: ultimo mandato, non mi risparmierò. Gravina (Figc), contento che calcio torni in giunta

TOP SQUADRE DI CALCIO SOCIAL, best post e paid post. Nel mese della Superleague, Juve in trend calante, Inter supera il Milan (domina paid post)

TOP SQUADRE DI CALCIO SOCIAL, best post e paid post. Nel mese della Superleague, Juve in trend calante, Inter supera il Milan (domina paid post)