Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Fortissimo incremento dei tentativi di truffa legati al Black Friday non solo sul web, ma anche sui social network.

(Foto: Olycom)

Lo denuncia oggi il Codacons, che sta monitorando l’andamento della settimana di sconti speciali partita ufficialmente oggi in tutta Italia. Già da alcuni giorni si registra nel nostro paese una forte impennata dei tentativi di truffa a danno dei consumatori, spiega il Codacons. Il Black Friday ha scatenato una valanga di mail, sms, messaggi e post promozionali, all’interno dei quali si nascondono raggiri e tentativi di furto dei dati bancari degli utenti.

In particolare, secondo l’associazione dei consumatori, spopolano quest’anno le truffe legate ai social network come Instagram o Facebook, con hashtag, tag e messaggi privati che rimandano a link di siti che promuovono sconti altissimi su smartphone o capi di abbigliamento griffato. Si tratta in molti casi di finti negozi online, nati proprio in occasione del Black Friday, il cui scopo è raccogliere ordini incassando denaro, senza poi inviare la merce e con i domini che vengono cancellati alla fine della settimana di sconti. In altri casi tali siti hanno il solo scopo di rubare credenziali bancarie e dati delle carte di credito degli utenti, per svuotarne i conti correnti.

“Invitiamo i consumatori a prestare in questi giorni massima attenzione, diffidando di sconti esagerati e prezzi palesemente fuori mercato, ma soprattutto a non aprire link e messaggi sospetti che potrebbero rivelarsi un tentativo di truffa, e verificare l’esistenza dei negozi che propongono promozioni sul web”, afferma il presidente Carlo Rienzi.
Ecco i consigli utili del Codacons per fare acquisti sicuri ed evitare brutte sorprese: acquistate solo da siti Internet sicuri, protetti da sistemi di sicurezza internazionali, riconoscibili dalla presenza del lucchetto nella barra di indirizzo; acquistate solo da venditori sicuri. Controllare che nei feedback siano riportati correttamente i dati della società titolare dell’attività commerciale; confrontate sempre i prezzi, sia online sia nei negozi fisici. Attenzione agli sconti troppo elevati.

E ancora controllate che sia riportato oltre al prezzo iniziale del prodotto anche quello finale, comprensivo di spese di spedizione o tasse; controllate la data di spedizione e verificare sempre da dove viene spedito il prodotto; conservate sempre una copia dell’ordine effettuato e verificate che esista la possibilità di disdirlo senza pagamento di penali; sul web pagate o tramite paypal o carte prepagate (meglio evitare bonifici o carte di credito), e non comunicate mai i vostri dati personali, sia via telefono, sia via mail. Non inserite mai dati privati online.

E ancora ricordare che per legge la merce si può restituire quando si acquista fuori dagli esercizi commerciali fisici entro 14 giorni; per gli acquisti online verificare le condizioni di recesso applicate dal venditore online e ricordate che la garanzia vale anche per i prodotti acquistati onlinee; se il prodotto o il servizio acquistato hanno un difetto di conformità o di produzione avete dritto alla sostituzione o al rimborso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta e digitali di quotidiani e settimanali a marzo, dei mensili a febbraio

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta e digitali di quotidiani e settimanali a marzo, dei mensili a febbraio

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social in aprile. Scanzi domina come sempre la classifica, seguito da Tosa e Porro

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social in aprile. Scanzi domina come sempre la classifica, seguito da Tosa e Porro

Investimenti pubblicitari a marzo, +30,7%. Primo trimestre +3,4% ma senza digital è -1,4%. Nielsen: mancano 125 milioni al pre-Pandemia

Investimenti pubblicitari a marzo, +30,7%. Primo trimestre +3,4% ma senza digital è -1,4%. Nielsen: mancano 125 milioni al pre-Pandemia