Vivendi tratta in esclusiva l’acquisizione di Prisma Media, controllata francese di Guner+ Jahr/ Berelsmann

Vivendi continua ad allargare la sua presenza nel mondo dell’editoria francese. Dopo l’ingresso nel capitale di Lagardere – per il quale è anche in corso uno scontro legale – la media company sta trattando in esclusiva con Gruner+ Jahr / Bertelsmann per acquisire il 100% di Prisma Media.

Filiale del gruppo tedesco Gruner + Jahr di proprietà di Bertelsmann, Prisma Media il gruppo editoriale numero uno in Francia, nella stampa e nel digitale, con 20 marchi leader nel settore riviste, da Femme Actuelle a Geo, a Capital, Gala e Télé-Loisirs.

Arnaud de Puyfontaine, CEO di Vivendi (Foto Ansa/Riccardo Antimiani)

“Questa acquisizione si adatterebbe perfettamente alla strategia di Vivendi, integrando l’ambito delle sue attività esistenti”, precisa una nota della media company francese, senza dare indicazioni sul valore dell’operazione, ancora soggetta alle autorizzazioni regolamentari. Secondo Vivendi una tale acquisizione offrirebbe “interessanti opportunità di collaborazione all’interno del gruppo e di sviluppo” per il titolo di Prisma”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta e digitali di quotidiani e settimanali a marzo, dei mensili a febbraio

I nuovi dati Ads sulla diffusione della stampa. Vendite e abbonamenti carta e digitali di quotidiani e settimanali a marzo, dei mensili a febbraio

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social in aprile. Scanzi domina come sempre la classifica, seguito da Tosa e Porro

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social in aprile. Scanzi domina come sempre la classifica, seguito da Tosa e Porro

Investimenti pubblicitari a marzo, +30,7%. Primo trimestre +3,4% ma senza digital è -1,4%. Nielsen: mancano 125 milioni al pre-Pandemia

Investimenti pubblicitari a marzo, +30,7%. Primo trimestre +3,4% ma senza digital è -1,4%. Nielsen: mancano 125 milioni al pre-Pandemia