Qualitel, in crescita l’indice di gradimento dell’offerta Rai e il giudizio sull’operato dell’azienda

L’indice di gradimento complessivo dell’offerta Televisiva Rai, misurato su scala 1-10., è pari a 7,8, in crescita di +0,1 punti rispetto al semestre precedente. Questo quanto emerge dalla rilevazione del gradimento e della qualità percepita, prescritta dal Contratto di Servizio, sull’offerta Rai del 1° semestre 2020 sulle diverse piattaforme (tv, radio, digital e l’offerta televisiva dedicata ai minori).

La sede Rai di Viale Mazzini (Foto Ansa -ALESSANDRO DI MEO)

La rilevazione, realizzata dalla Direzione Marketing Rai in collaborazione con il consorzio composto da Mg Research, Noto Sondaggi, EMG Acqua e GPF, indica le valutazioni espresse dal pubblico su ogni singolo programma in onda sulle tre reti generaliste e sulla parte più rilevante, in termini di audience, della programmazione di Rai4.

Buono il gradimento complessivo di ciascuna delle reti generaliste, si legge in una nota, con Rai1 e Rai3 che evidenziano il punteggio più alto e pari a 7,8 e con Rai2, a seguire, con 7,7. Altrettanto apprezzata l’offerta di Rai4, con un gradimento medio di 7,8.

Il gradimento dei telegiornali è complessivamente positivo, con un voto medio pari a 7,6 e non si differenzia tra le tre reti generaliste, per le quali tutte le diverse testate confermano buoni punteggi. Il genere appare in miglioramento di 0,1 punti rispetto al secondo semestre del 2019.

L’indice di Qualità percepita, che sintetizza su scala 1-10 le valutazioni sugli elementi editoriali dei programmi Tv come ad esempio, la conduzione, il ritmo, gli attori per la fiction, i contenuti, è pari a 7,8 (+0,1 punti rispetto al semestre precedente), allineandosi al gradimento complessivo dell’offerta Rai.

Radio Rai riceve un punteggio medio complessivo pari a 7,8 e in crescita rispetto al semestre precedente (+ 0,7 punti). Il gradimento medio di Radio2 raggiunge un valore pari a 8,0, mentre Radio3 e Radio1 si attestano rispettivamente sugli altrettanto rilevanti valori di 7,8 e 7,7. Isoradio ottiene  7,5. L’indice di Qualità percepita, che sintetizza le valutazioni del pubblico sugli elementi editoriali della programmazione radiofonica, come i conduttori, i temi trattati o il ritmo, è  in crescita rispetto al semestre precedente con un valore medio pari a 8,0 (+0,9 punti).

L’offerta Digital della Rai raggiunge un gradimento complessivo pari a 7,5 con un incremento di 0,6 punti rispetto alla precedente rilevazione. Rai Cultura (7,9), Rai Scuola (7,8) e RaiPlay (7,7) raggiungono tutte valutazioni distinte. In particolare, per RaiPlay il giudizio è rafforzato da un elevato numero di rispondenti, tra i quali il 58% esprime un gradimento tra 8 e 10. Seguono con risultati di gradimento soddisfacenti RaiPlay Radio (7,6), Rai Sport (7,4), Rai.it e Rai News (7,2). Anche per l’indice della Qualità percepita, che sintetizza le valutazioni degli utenti su elementi caratteristici dell’offerta come la facilità di utilizzo, la grafica e la completezza di informazioni, si registra un livello pari a 7,4 (+0,4 punti rispetto al semestre precedente).

Rai YoYo e Rai Gulp, analizzati su un campione di bambini/ragazzi di 4-13 anni e di genitori di bambini 4-10 anni, ottengono valutazioni positive e in crescita rispetto al semestre precedente e pari rispettivamente a 7,7 (+0,1 punti) e 7,9 (+0,3).
Rai YoYo presenta valutazioni positive e omogenee tra i diversi target in esame con valori compresi tra 7,7 nella fascia 4-7 e 8-10 anni, e 7,8 in quella tra gli 11 e i 13 anni. Rai Gulp ottiene giudizi positivi su tutte le fasce d’età, con valori leggermente superiori nella fascia di età 8-10 anni (8,0), che è la fascia di età a cui il canale principalmente si rivolge. La qualità percepita, presenta indici positivi su entrambi i canali: 7,6 sulla fascia di età 4-7 anni, e 7,8 sul target 11-13 anni per Rai YoYo; per Rai Gulp invece tutte le fasce d’età (4-7, 8-10 e 11-13 anni) esprimono valutazioni molto simili tra loro (rispettivamente 7,8, 7,9 e 7,9).
L’indice complessivo di Corporate Reputation registra un valore di 6,9, in netta crescita rispetto alla rilevazione del semestre precedente (+0,6 punti) e da considerare molto positivo per questo genere di rilevazioni.

L’indice di soddisfazione per le attività di Servizio Pubblico, pari a 6,9, è in miglioramento di 0,5 punti rispetto al semestre precedente. L’indice dell’Immagine di Corporate è pari a 6,3 (+0,4 punti rispetto alla precedente rilevazione).

L’indice di soddisfazione dell’offerta Rai registra complessivamente un punteggio di 7,2 (+0,3 punti sul semestre precedente), con RaiPlay che si distingue come la property con l’immagine percepita più elevata (7,6) tra tutti i brand tv/radio/digital più conosciuti dell’intera offerta media Rai.

La performance dell’indice di Sostenibilità delle attività Rai, inserito per la prima volta nell’ambito della rilevazione di Corporate Reputation, è pari a 7,2, con valutazioni superiori a 7,0 su tutte le attività che lo compongono, in particolare su quelle orientate al sociale.

Nel complesso Rai raggiunge un punteggio dell’indice sintetico di Corporate Reputation pari a 7,2.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Vaccarono via da Google per diventare ceo e dg di Multiversity con e per CVC

Vaccarono via da Google per diventare ceo e dg di Multiversity con e per CVC

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo