Covid, Twitter pronta a rimuovere i contenuti fuorvianti e le teorie cospirative sui vaccini

Twitter intende rimuovere i post che contengono informazioni scorrette o fuorvianti riguardo i vaccini per il Covid-19, l’ultima misura adottata dal social network per rallentare la diffusione di contenuti falsi durante la pandemia.  I tweet che non rappresentano un pericolo saranno soltanto segnalati.

Jack Dorsey (Foto ANSA – EPA/JIM LO SCALZO

La nuova politica è stata annunciata dal social media in una nota e fa seguito alla distribuzione delle prime dosi del vaccino anti-Covid.

Twitter elimina già i tweet che contengono fake news, ad esempio sulla natura del virus e la sua diffusione, o la sicurezza e l’efficacia di trattamenti e misure di prevenzione. A partire dal 21 dicembre – spiega il social – saranno rimossi anche i post in cui si sostengono teorie cospirative; notizie ampiamente smentite sugli effetti collaterali del vaccino; tweet in cui si afferma che il Covid non è reale o comunque non è serio, e quindi non è necessario vaccinarsi.

Dagli inizi del nuovo anno, inoltre, Twitter segnalerà i post che contengono informazioni non comprovate, ma non pericolose, sui vaccini, rinviando gli utenti a fonti sanitarie autorevoli.

“Nel contesto di una pandemia globale, la disinformazione sui vaccini rappresenta una sfida significativa e crescente per la salute pubblica, e tutti noi abbiamo un ruolo da svolgere”, scrive Twitter. “Il nostro obiettivo è ridurre le informazioni fuorvianti che rappresentano il maggior rischio potenziale per la salute e al benessere delle persone”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome