Università della Tuscia presenta MAIBS, master online dedicato all’intelligenza artificiale nel business

Realizzato dall’Università della Tuscia, promosso dal Centro Interuniversitario per l’Innovazione Tecnologica e lo Sviluppo del Territorio, il MAIBS è stato pensato grazie al supporto dei dipartimenti DEIm e DISUCOM e in collaborazione con il gruppo Datrix.

Università della Tuscia logo

Il tema principale del Master è dunque l’AI, una tecnologia su cui oggi si concentrano aspettative e dibattiti, ma anche concrete opportunità per le imprese e l’economia.

Il mercato dell’Intelligenza Artificiale, riporta una nota, è in continua crescita e questa tendenza si conferma anche nel 2020, nonostante l’emergenza sanitaria.

Secondo la società di ricerca IDC, la crescita stimata a livello globale rispetto al 2019 sarà del 12,3% e i ricavi globali generati supereranno i 156,5 miliardi di Dollari; nel 2024 si prevedono 300 miliardi di ricavi.

Il ruolo delle applicazioni di AI nelle imprese è in rapida evoluzione e sta trasformando il modo in cui i clienti vengono ingaggiati e acquistano, i fornitori producono e consegnano e i concorrenti competono. Queste applicazioni sono oggi peraltro centrali nelle iniziative di trasformazione digitale: le aziende utilizzatrici registrano già ora tassi accelerati di innovazione, maggiore competitività, margini più elevati e dipendenti più produttivi. Vale anche per le aziende del mondo dell’editoria, del marketing e della comunicazione sempre più interessate a padroneggiare tecnologie di Intelligenza Artificiale.

L’interesse per l’Intelligenza Artificiale si misura anche dalle aziende che hanno già deciso di finanziare alcune borse di studio a totale copertura dei costi di iscrizione del master e riservate agli studenti più meritevoli. Tra queste ci sono Search on Media Group (azienda leader nel digital marketing), il Gruppo Activa (uno dei principali player italiani del settore ICT), Convergenze (multiutility attiva a livello nazionale con servizi internet, voce, energia e gas naturale). Altre aziende auspicabilmente si aggiungeranno, così da superare intelligentemente il problema del reperimento di data scientist ed esperti di intelligenza artificiale, risorse scarse sul mercato del lavoro.

Il Master MAIBS si innesta in una serie di iniziative passate e future che l’Università della Tuscia e in particolare il DEIM, con il professor Giuseppe Calabrò (delegato per i rapporti con le imprese e la raccolta fondi) e il professor Alessio Maria Braccini (delegato al monitoraggio e controllo delle prestazioni e direttore del Master), stanno portando avanti con il gruppo Datrix per far diventare Viterbo un polo di attrazione su tematiche legate alle applicazioni dell’AI al business e alla sicurezza.

La formula di questo master prevede che gli studenti alternino ogni settimana tre giorni di lezioni, a cui potranno accedere sia in presenza che online, con tre giorni di stage in una delle aziende partner.

Il programma del Master si articola su argomenti che vanno dalla digitalizzazione dei processi aziendali, alla loro reingegnerizzazione attraverso l’adozione di tecnologie digitali avanzate; dalle conoscenze teoriche e pratiche necessarie per padroneggiare le tecnologie di intelligenza artificiale, con particolare attenzione alla modellazione dei dati e agli strumenti di analisi dei big data, agli aspetti di privacy, sicurezza ed etica legati al mondo dei big data e dell’intelligenza artificiale.

Le lezioni del master si terranno in lingua inglese e il corso sarà accessibile a studenti di ogni nazionalità purché in possesso di una laurea di secondo livello.

Iscrizioni e informazioni dettagliate su www.maibs.eu

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lampugnani lascia TBWA e va con Costa. Pagano promosso chief creative officer

Lampugnani lascia TBWA e va con Costa. Pagano promosso chief creative officer

È on air dal 13 settembre la nuova campagna ASviS

È on air dal 13 settembre la nuova campagna ASviS

Radio 24 lancia la campagna ‘Tante voci diverse per una radio fuori dal coro’

Radio 24 lancia la campagna ‘Tante voci diverse per una radio fuori dal coro’