TOP 15 INFLUENCER di novembre. Chiara Ferragni e Fedez stravincono sui social e fuori. Buffon e Littizzetto new entry

Tredici conferme – a cominciare dal terzetto di testa: Chiara Ferragni, Gli Autogol e Fedez – e due nomi nuovi: Gianluigi Buffon e Luciana Littizzetto. Si può riassumere così la Top 15 degli influencer di novembre, stilata da Sensemakers per Primaonline sulla base dei dati di Shareablee.

IN CASO DI RIPRESA SI PREGA DI CITARE E LINKARE PRIMAONLINE.IT

Chiara Ferragni è sempre in testa, inarrivabile, con 55,5 milioni di interazioni, cioè like, commenti e condivisioni su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube. Cosa che non sorprende visto che la Blonde Salad e il marito Fedez (terzo con 11,1 milioni di interazioni), sono sempre al centro dell’attenzione, non solo sui social. In novembre Vanity Fair li ha eletti personaggi più influenti dell’anno e li ha messi in copertina. “L’abbiamo fatto per tanti motivi: l’influenza che esercitano, l’impegno che hanno dimostrato, la capacità di utilizzare i nuovi mezzi di comunicazione, la coscienza civile e politica che stanno sviluppando”, ha scritto nel suo editoriale il direttore della rivista, Simone Marchetti. Tra le iniziative promosse dalla coppia spiccano la raccolta fondi contro il Covid-19 (quattro milioni e mezzo di euro destinati all’Ospedale San Raffaele di Milano) e la creazione di Scena Unita, un fondo per aiutare i lavoratori della musica e dello spettacolo colpiti dalla crisi, a cui hanno aderito finora 148 artisti e che ha raccolto già 2,5 milioni di euro. Un’iniziativa di cui Fedez ha parlato anche a XFactor, in una puntata record sia per ascolti sia per interazioni sui social.

La copertina di Vanity Fair dedicata a Chiara Ferragni e Fedez.

A Sant’Ambrogio è arrivato ai Ferragnez un riconoscimento ancora più importante: l’Ambrogino d’oro, l’onorificenza assegnata ogni anno dal Comune di Milano a chi ha saputo dare un contributo speciale alla città. La motivazione: “Durante la prima fase dell’emergenza sanitaria, hanno messo la notorietà al servizio della lotta al Covid-19 per provare a lenire le ferite della loro città. E con un racconto ironico sulla vita da famiglia milanese in quarantena, hanno sensibilizzato sull’importanza di osservare le regole per contenere il contagio”. Onorificenze e riconoscimenti non hanno fatto trascurare il business. In novembre Chiara Ferragni ha siglato un accordo di licenza pluriennale con due noti brand della moda, Velmar (gruppo Aeffe) e Monnalisa, rispettivamente per una collezione nell’intimo e beachwear e nell’abbigliamento di alta gamma per bambini. Operazioni che ha fatto schizzare in Borsa i titoli delle due società.

Non sono questi però gli argomenti che hanno animato le discussioni sui social. Su Facebook, Instagram & co. si è parlato soprattutto di questioni più intime, familiari, come dimostra la classifica dei Best Performing Post (vedi la seconda tabella). Il post che ha suscitato più interazioni (1,8 milioni) è una foto ricordo del giorno della nascita del piccolo Leone, pubblicata da Chiara Ferragni su Instagram. La Blonde Salad ha altri cinque post in classifica e sono tutti dedicati alla sua gravidanza: le foto del suo profilo da ‘baby mama’, l’ecografia della bambina che deve nascere, e così via. Tre best performing post sono di Fedez, anche questi dedicati allo stesso argomento.

IN CASO DI RIPRESA SI PREGA DI CITARE E LINKARE PRIMAONLINE.IT

L’unico tra i dieci post che non è firmato dai Ferragnez se l’è aggiudicato il gaudente imprenditore bolognese Gianluca Vacchi. E anche questo, guarda caso, riguarda la famiglia: un gioco di parole sulla lettera B, l’iniziale di Blu Jerusalema, la bambina che ha dato alla luce a fine ottobre la sua compagna, Sharon Fonseca. “È la prima volta nella mia mia vita che il B è il mio primo piano”, afferma Vacchi nella didascalia.

Tra Chiara Ferragni e Fedez, al secondo posto nella Top 15 degli influencer si sono piazzati come al solito Gli Autogol, i tre ragazzi pavesi famosi per le loro parodie calcistiche sui social, in onda anche su Radio 105 ogni sabato e domenica. Quarta è la conduttrice di Dazn, Diletta Leotta, anche lei voce della radio di Mediaset. Quinta è la regina delle cuoche Benedetta Rossi, sempre in testa per numero di video view: 113 milioni. Seguono il rapper Sfera Ebbasta; la show girl Giulia De Lellis; la sorella di Chiara Ferragni, Valentina. Poi ci sono i soliti nomi di modelle e personaggi televisivi, Alice Campelli, Paola Turani, Betrice Valli, Elisa Maino e la truccatrice ClioMakeUp, ovvero Clio Zammatteo.

IN CASO DI RIPRESA SI PREGA DI CITARE E LINKARE PRIMAONLINE.IT

Le due new entry, Gigi Buffon e Luciana Littizzetto, sono rispettivamente al dodicesimo e al quattordicesimo posto. Il portiere della Juventus in novembre ha festeggiato i 25 anni dal suo esordio in serie A, una carriera contrassegnata da grandi successi, come il record delle presenze in nazionale, 176. Ma non è questo di cui si è parlato sui social. Ad alimentare le chiacchiere è stato uno scoop del settimanale Oggi, che ha pubblicato le foto di Buffon mentre si reca con i tre figli a fare acquisti in uno spaccio aziendale. Le foto hanno fatto il giro del web suscitando una valanga di commenti stupiti e/o scandalizzati: un calciatore che guadagna un milione e mezzo di euro all’anno, sponsor esclusi, va a far la spesa in un discount?! C’è chi ha ipotizzato che Buffon volesse educare i figli al risparmio. In realtà la spiegazione l’ha data lo stesso articolo di Oggi, nelle ultime righe: il giocatore è andato in uno spaccio di indumenti da lavoro, vicino alla sua casa torinese, per acquistare camici da cuoco, perché in questi giorni i suoi figli si sono scatenati in pizza party e gare culinarie con gli amici. Una spiegazione che i tanti commenti sui social hanno bellamente ignorato, come i molti giornali online che hanno ripreso la notizia.

Il post più commentato e condiviso di Luciana Littizzetto in novembre è una foto della figlia Vanessa il giorno della sua laurea, pubblicata su Instagram in occasione del compleanno della ragazza, adottata dalla conduttrice televisiva e dall’ex compagno, Davide Graziano, quando aveva 12 anni. Nei siti dei giornali, invece, hanno spopolato le battute osé sui ‘lati B’ e le forme falliche dei funghi fatte dalla Littizzetto a ‘Che tempo che fa’.

Molto diversa dalle due precedenti classifiche è quella dei Paid Partnership Post, vale a dire i post pubblicitari. Su Facebook in testa c’è il gruppo comico dei The Jackal con tre post pagati da due sponsor, che hanno raccolto 129mila interazioni; il migliore è risultato uno spot di Action Aids a favore delle adozioni a distanz: “Non limitarti a sognare un mondo migliore. Aiutaci a realizzarlo!”. Su Instagram, invece, è Diletta Leotta ad aver ottenuto i migliori risultati: quattro post pagati da tre sponsor, per un totale di 1,3 milioni di interazioni; il primo è risultato un post dedicato al brand di abbigliamento e calzature da lavoro U-Power.

cazzola@primaonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo