Antonio Marano lascia la presidenza di Rai Pubblicità. Da gennaio entra in Fondazione Milano-Cortina per le Olimpiadi del 2026

Il prossimo Festival di Sanremo non potrà contare su Antonio Marano: dal primo gennaio, infatti, l’attuale presidente di Rai Pubblicità sarà ufficialmente fuori dalla Rai ed ha già accettato di entrare nella Fondazione Milano-Cortina per le Olimpiadi del 2026.

La conferma di quanto già questa mattina aveva anticipato il sito vigilanzatv.it arriva da autorevoli ambienti Rai che lasciano anche trapelare un certo dispiacere in vista del prossimo Festival di Sanremo a fronte della raccolta pubblicitaria record dello scorso anno, ma l’ex direttore di Rai2 ed ex vice direttore generale della Rai è ottimista e lascia intendere che per il Festival di Sanremo post Covid non c’è da stare preoccupati, come dire, tutto è già pronto e manca solo la ‘messa a terra’.

Antonio Marano (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

“Grazie alla direzione artistica di Amadeus e alla percezione di un Festival della rinascita non solo dell’arte e della musica, ma anche del sistema-Paese – dichiara Marano all’Adnkronos – sarà un grande evento che può segnare la riapertura dell’Italia. Sempre Covid permettendo il prossimo Festival di Sanremo sarà migliore di quello dell’anno scorso. Quel che è stato già preparato darà dei risultati eccezionali”. Fu lui lo scorso anno ad inventarsi il secondo palco in Piazza che commercialmente fu un bel colpo. Così, se lui è ottimista, c’è da credergli.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs-Blackstone. Chiuso il lodo su via Solferino: il palazzo valeva 33 milioni in più

Rcs-Blackstone. Chiuso il lodo su via Solferino: il palazzo valeva 33 milioni in più

Sallusti direttore di ‘Libero’, Senaldi condirettore: operazione concordata da tempo per allargare orizzonti multimediali

Sallusti direttore di ‘Libero’, Senaldi condirettore: operazione concordata da tempo per allargare orizzonti multimediali

America first e digital first. In Condé Nast Italia tagli e riorganizzazione: 26 esuberi su 69 giornalisti (direttori esclusi)

America first e digital first. In Condé Nast Italia tagli e riorganizzazione: 26 esuberi su 69 giornalisti (direttori esclusi)