A+E Networks Italia su Amazon Prime. Subito History Play, a gennaio Crime+Investigation e Blaze

A+E Networks Italia approda su Amazon Prime Video Channels. Il brand History Channel e i suoi programmi sono infatti presenti in modalità SVOD (Subscription Video On Demand). Il canale History Play è disponibile ad un costo di abbonamento di 3,99 euro mensili. A gennaio sarà la volta degli altri due brand del gruppo: Crime+Investigation e Blaze. Crime+Investigation Play avrà un costo di 3,99 euro mensili, mentre Blaze Play di 2,99 euro al mese.  E’ previsto un periodo di prova gratuito di 30 giorni e si potrà disdire l’abbonamento in qualsiasi momento.

Patricio Teubal general manager di A+E Networks Italia

“L’arrivo dei nostri canali su Amazon Prime Video Channels – commenta Patricio Teubal, General Manager di A+E Networks Italia – rappresenta un passo significativo per il rafforzamento del gruppo. È un’opportunità che ci permette di proporre ad un maggior numero di persone la nostra amplissima offerta di contenuti factual, costituita da prodotti provenienti dal nostro catalogo e dalle principali case di produzioni internazionali e italiani, e di sfruttare al meglio l’innovazione tecnologica e le potenzialità di sviluppo del mercato del video on demand. Questo accordo si inserisce in una partnership già avviata in altri Paesi d’Europa quali Gran Bretagna, Irlanda, Germania, Austria e Olanda”.

Cosa potranno vedere gli abbonati? Dalle mini-serie ai docu-drama, dai film tv ai feature doc premiati ai più importanti festival fino agli instant doc che raccontano gli ultimi sviluppi dell’attualità.

Su History Play, il canale delle storie che hanno fatto la Storia, saranno disponibili le stagioni di Enigmi Alieni, Il Fuoco di Spade, Oak Island e il tesoro maledetto; le docu-serie dedicate all’antico Egitto o all’antica Roma come Roma: costruzione di un impero, al medioevo con Il lato oscuro dei Templari o ai grandi conflitti bellici come WWI: La prima guerra moderna o Iraq/Afghanistan: la mia guerra; i programmi che fondono insieme storia e investigazione quali Hunting Hitler e Hunting Isis. E poi tantissime biografie: da Cristoforo Colombo a Hitler, da Kennedy a Trump passando per Michael Jackson.

Crime+Investigation Play rappresenterà per gli abbonati Amazon la casa del real crime: da La signora della droga, film con Catherine Zeta-Jones, alla serie Le prime 48 ore, da Tupac: il caso è aperto sull’omicidio del rapper Tupac Shakur a La mia fuga da Scientology, da R. Kelly: vittime di una popstar a La mia vita all’inferno, reality show all’interno delle carceri americane, fino ai diversi speciali incentrati sulla figura di Charles Manson.

Su Blaze Play troveranno spazio i più importanti programmi dedicati al factual entertainment, che raccontano l’altra faccia dell’America: docu-reality, survivor series e competition show. Ecco, quindi, LEGO Masters, Affari di famiglia, Affari al Buio, A caccia di tesori. E ancora: Alone, Mountain Men, Ax Men, Gli eroi del ghiaccio, Il signore dei coltelli, The Unexplained con William Shatner, il capitano Kirk di Star Trek. Senza dimenticare gli speciali con le icone della tv e del cinema americani: Chuck Norris pilota d’assalto e David Hasselhoff: Supercars anni ’80.

Non mancheranno, infine, le numerosissime produzioni italiane della library di History Channel e Crime+Investigation.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

<strong> Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio </strong> Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano