Norma Rangeri sul Manifesto lancia l’allarme: dal governo il colpo micidiale del taglio al Fondo dell’editoria

L’editoriale ‘Il Manifesto nel mirino del governo’ con cui oggi il direttore  Norma Rangeri denuncia “i tagli al fondo per il pluralismo, mentre nella stessa manovra venivano distribuiti soldi alla qualunque”.

Norma Rangeri

Norma Rangeri, direttrice del Manifesto (foto Skytg24)

‘Il Manifesto nel mirino del governo’- Norma Rangeri

Mentre nel clima di tragica follia che avvolge il pianeta stavamo per salutare il 2020, ci raggiunge il colpo micidiale del taglio al Fondo dell’editoria.

Un colpo sparato con un’arma di precisione perché rivolto soprattutto contro questo giornale.

Un delitto perfetto perché commesso alla luce del sole e perché mandante e esecutore sono una cosa sola, rispondono alla stessa organizzazione: il Movimento 5Stelle.

La decisione di colpirci è arrivata nella fase finale della discussione della Legge di Bilancio, oggi in dirittura d’arrivo alla Camera dove verrà approvata in malomodo con il solito maxi-emendamento e il voto di fiducia.

Sabato, nelle ore in cui si litigava sugli emendamenti da infilare nel calderone che chiude il mercato delle contrattazioni, dove ha la meglio il piazzista più sponsorizzato, s’è visto di tutto.

Sono stati elargiti soldi pubblici alla qualunque, persino alle celebrazioni dell’ottavo centenario del presepe, all’aumento di stipendio dei prefetti, alla sostituzione dei soffioni delle docce, o all’ultima trovata dello «smartphone di governo» con abbonamento incorporato a due quotidiani.

E siccome il manifesto non ha sponsor politici l’emendamento che avrebbe sospeso i tagli (e che a differenza dei due citati non avrebbe comportato costi notevoli) è stato bocciato.

L’ultima volta che tentarono di toglierci di mezzo fu con il governo giallo-verde. E anche allora a volerci fuori dalle edicole erano sempre gli stessi, non la Lega fascistoide ma i democratici 5Stelle. Se non riuscivamo a stare sul mercato con le nostre gambe dovevamo rassegnarci a chiudere.

Una vera mascalzonata visto che il mercato non esiste perché a governarlo sono le concentrazioni finanziarie a capo delle maggiori testate nazionali. Oltre al fatto che considerare l’informazione e i giornali come una marca di detersivo è solo il segno di una straordinaria ignoranza se non di una perfetta malafede.

Non ci siamo arresi, abbiamo promosso una importante campagna per abbattere il muro (iorompo.it) ricevendo una immediata, larga e forte condivisione della nostra straordinaria community. Poi è cambiato il governo, oggi Salvini non c’è più, ma il risultato invece non cambia.

Secondo Crimi e associati anziché celebrare il nostro 50° compleanno (1971-2021), dovremmo officiare il nostro funerale e così espiare la colpa di avere un giornale nella forma di una cooperativa che con il suo lavoro, rispettando tutte le regole, stampa un quotidiano nazionale di sinistra ormai da 50 anni.

Dovremmo essere puniti per aver lavorato sodo e bene, per non aver chiuso come è successo a tanti giornali della sinistra che nel corso degli anni e dei decenni hanno fallito nonostante avessero le spalle ben protette da soldi, potere, partiti.

Ma a pensarci bene il problema è proprio questa indipendenza, questa unicità della nostra esperienza politico-editoriale, questa forma di militanza giornalistica, inventata dal gruppo fondatore del manifesto e proseguita di generazione in generazione, a dare fastidio. Che poi è la stessa ragione per cui siamo puntualmente oscurati anche dal servizio pubblico televisivo (di quello privato inutile parlare) dove testate con una storia e un lettorato assai meno significativo del nostro sono presenti a ogni ora del giorno e della notte.

Naturalmente se fosse passato l’emendamento che rinviava i tagli al Fondo ci saremmo ritrovati il problema solo spostato più in là, visto che gli alleati dei 5Stelle non trovano la forza di ribaltare la «dottrina Crimi», ma già sarebbe stato un «ristoro», considerato che la pandemia colpisce anche il nostro settore, sotto scacco da ogni punto di vista (pensionistico, retributivo, industriale) perché nulla è stato fatto nel frattempo da questo governo.

Anzi alla fine ad essere tagliati saranno solo i contributi diretti, mentre quelli indiretti, che vanno anche alle grandi testate, restano. Un delitto perfetto.

Sicuramente l’ideologia da quattro soldi dei pentastellati sull’equivalenza tra informazione e mercato si conferma il nostro più accanito avversario, ma dobbiamo dire con altrettanta franchezza, che né il Pd, né LeU, malgrado occupino posizioni rilevanti nei luoghi-chiave dove queste decisioni vengono prese, hanno ritenuto di dover difendere la nostra testata e dunque il pluralismo dell’informazione, né di dover mettere in campo una politica di settore.

Del resto, all’ignoranza massmediatica la sinistra ci ha abituato da sempre, diciamo sin dai tempi del berlusconismo, e oggi purtroppo persevera, restando in silenzio di fronte alle accresciute concentrazioni editoriali, incapace di elaborare un pensiero sulle grandi piattaforme padrone del mondo, sull’alfabeto del nuovo capitalismo, e dunque condannando a morte un moderno riformismo.

Figuriamoci, con queste credenziali, che fine farebbe una forza politica di sinistra che domani si presentasse al giudizio degli elettori.

Michele Anzaldi(foto ANSA/GIUSEPPE LAMI)

 ANZALDI (IV): ODG PER EVITARE TAGLI EDITORIA, SOSTEGNO SIA AMPIONO PENALIZZAZIONI AL ‘MANIFESTO’
“Dopo l’allarme lanciato dal quotidiano’il Manifesto’ e dalla direttrice Norma Rangeri sul taglio al
Fondo per l’editoria e l’informazione deciso dal testo dellalegge di Bilancio, cosi’ come modificato in Commissione, hopresentato un Ordine del giorno che impegna il Governo a nonpenalizzare in alcun modo alcuna testata giornalistica,’considerando primario interesse la tutela della liberta’ di
informazione e tenendo in conto che dietro ogni prodottoeditoriale vi sono giornalisti e maestranze che meritano tutela eattenzione’. A questo fine l’ordine del giorno impegna quindi ilGoverno ‘ad adottare ogni iniziativa di competenza, nell’ambitodi un prossimo provvedimento e nei limiti delle risorse
disponibili, affinche’ il nuovo assetto non penalizzi alcunatestata giornalistica’. Mi auguro che l’Odg venga accolto e trovila massima condivisione possibile in Parlamento. E’ quanto scrivesu Facebook il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi,componente della commissione Cultura alla Camera e segretariodella commissione di Vigilanza Rai.”Il nuovo assetto- prosegue Anzaldi- della destinazione dellerisorse del Fondo, pur comprendendo anche un ampio ventaglio diprovvedimenti connessi al tema e che va a sostenere, ad esempiocon un credito d’imposta per gli esercenti, la vendita digiornali e riviste, potrebbe penalizzare alcuni giornali etestate piccole o indipendenti andando, di fatto, a limitare ildiritto al pluralismo dell’informazione. E’ impensabile che ilGoverno Conte 2 si comporti come il Governo gialloverde Conte 1,che fece di tutto per penalizzare la stampa e il giornalismo. Ilcambio di rotta deve essere reale, non di facciata. L’editorialedi Rangeri e’ da leggere fino in fondo perche’ dipinge un quadro
molto preoccupante sulla tutela della liberta’ di informazione.Dal Governo qualcuno dovrebbe rispondere anche su un altro puntosollevato dalla direttrice del quotidiano: perche’ nelletrasmissioni Rai i giornalisti del ‘Manifesto’ sono totalmenteoscurati, mai invitati in nessun talk show, a differenza di altri
quotidiani che ricevono uno spazio davvero sproporzionato ancherispetto alla diffusione che hanno? Ci sono alcuni quotidiani,uno in particolare molto fazioso e molto schierato (con Conte),presenti quasi in tutte le trasmissioni, con ampia pubblicita’anche visiva per la loro testata. Perche’ non c’e’ un equilibrio,
anche in questo?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nasce Gedi Watch, magazine digitale che racconta storie, personaggi e territori. E con lui al via le dirette web Gedi Watch Live

Nasce Gedi Watch, magazine digitale che racconta storie, personaggi e territori. E con lui al via le dirette web Gedi Watch Live

Pirateria online. Mediaset vince causa contro Dailymotion (Vivendi) e Veoh. Risarcimento milionario. “Tutelato il lavoro degli editori”

Pirateria online. Mediaset vince causa contro Dailymotion (Vivendi) e Veoh. Risarcimento milionario. “Tutelato il lavoro degli editori”

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..