Da potenziale acquirente a sostenitrice di una rivale. Microsoft investe in Josh, app indiana concorrente di TikTok

Da potenziale acquirente a investitrice nel capitale di una rivale. E’ la modalità con cui nel giro di pochi mesi si è consumato il rapporto tra Microsoft e TikTok. Se nei giorni delle trattative per la potenziale acquisizione del ramo americano delle attività dell’app di microvideo il colosso di Redmond era stato in prima linea, fino ad essere superato da Oracle, ora secondo voci di stampa, ha deciso di investire nell’indiana Josh.

Satya Nadella, ceo di microsoft (Foto Ansa/EPA/DIVYAKANT SOLANKI)

L’app, di proprietà di Verse Innovation, è una delle piattaforme video diventate popolari dopo che, nei mesi scorsi, il governo indiano ha messo al bando TikTok. Secondo il quotidiano Economic Times nell’ultimo round di finanziamenti sono stati raccolti più di cento milioni di dollari e, tra gli investitori, oltre a Microsoft figura anche Google.
La società ora prevede di usare i fondi per far crescere l’app e il suo ecosistema di creatori di contenuti. La cifra servirà anche e raddoppiare gli investimenti in intelligenza artificiale e apprendimento automatico, tecnologie sfruttate per fornire in tempo reale contenuti personalizzati agli utenti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Juve, Real e Barcellona replicano alla Uefa:  Superlega avrà luogo quando sarà riconosciuta

Juve, Real e Barcellona replicano alla Uefa: Superlega avrà luogo quando sarà riconosciuta

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa