Nel 2021 su Telegram arrivano le inserzioni pubblicitarie. Durov: per andare avanti servono centinaia di milioni di dollari

La piattaforme di messagistica Telegram  – fondata da Pavel Durov, che  permette non soltanto di messaggiare privatamente con un’altra persona, o più persone, ma anche di creare canali monotematici –  srabbe intenzionata a inserire le pubblicità.

Telegram, come riporta Cellulari.it, sta crescendo, le persone che lo usano ogni giorno sono sempre di più e questo crea dei problemi. Infatti il atto che milioni di persone comunichino ogni giorno tramite questa piattaforma con l’aereoplanino di carta porta gli sviluppatori e chi la gestisce a dover spendere somme sempre più importanti per mantenerla attiva.

“Un progetto delle nostre dimensioni”, comunica Durov (vedi qui sotto il suo post) , “ha bisogno di alcune centinaia di milioni di dollari all’anno per andare avanti”. I costi per i server e per funzionare tutto non permettono i andare avanti, pertanto nel 2021 sarà inserita su Telegram la pubblicità. “Grazie alla nostra scala attuale, saremo in grado di farlo in modo non intrusivo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome