Crollo storico per Lotteria Italia, venduti il 30% in meno di biglietti rispetto al 2019. Mai così male da 40 anni

Anche la Lotteria Italia risente della crisi legata al Covid-19. Per l’edizione 2020, infatti, sono stati acquistati appena 4,7 milioni di biglietti con un calo del 30% rispetto all’anno precedente. Stando ai dati forniti dall’agenzia specializzata Agipronews, infatti, si tratterebbe di un crollo storico che non si registrava da 40 anni, con un incasso pari a circa 23,5 milioni di euro.

Come spiega Ansa, lo scorso anno i biglietti venduti erano stati 6,7 milioni, per un incasso di 34 milioni di euro. Le cause principali del calo sono legate proprio alla pandemia, tra restrizioni alle attività commerciali e limitazioni negli spostamenti.

Provvedimenti che, secondo gli esperti, hanno fortemente condizionato le vendite in stazioni ferroviarie, autogrill e aeroporti, luoghi dove tradizionalmente la Lotteria Italia mantiene il suo appeal affiancando la rete distributiva delle tabaccherie. Positivi segnali sono arrivati dall’acquisto di biglietti online, anche se non sufficienti per coprire le perdite registrate nel canale retail.

Mercoledì 6 gennaio, nel corso della trasmissione Rai “Soliti ignoti”, saranno annunciati i biglietti vincenti i premi di prima categoria, di cui il primo da 5 milioni di euro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome