- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

I visitatori calano (e di molto) ma al Museo del cinema di Torino è boom di attività online e social

Nel 2020, a causa della pandemia, anche il Museo Nazionale del Cinema di Torino registra numeri in forte calo dell’attività in presenza, ma un aumento di quella online. Complessivamente sono stati 163.452 i visitatori, il 75% in meno rispetto al 2019, e 37.333 gli spettatori al Cinema Massimo, -61%. A fronte di questo c’è stato un incremento annuale dei follower, dell’8% su Facebook, del 144% su Instagram e del 41% su YouTube, mentre per la copertura dei contenuti, gli aumenti annuali sono del 62% per Facebook, 1.200% per Instagram e 41% per YouTube.

“È stato un anno complesso, ma siamo riusciti a presentare la mostra Cinemaddosso e a festeggiare il ventennale del Museo”, ricorda il presidente Enzo Ghigo, mentre per il direttore Domenico De Gaetano “i dati dimostrano la resilienza del Museo nel gestire l’emergenza e la capacità di investire in nuovi progetti, sperimentando nuove modalità di fruizione”.

Successo per lo spettacolo di videomapping sulla Mole, con quasi 800mila visualizzazioni su Facebook e 1 milione 440mila su Instagram, e per i Festival.

Il Tff, interamente online, ha aumentato i follower dal 15 al 114% a seconda dei canali, con una copertura dei contenuti del +490% su Facebook, +340% su Instagram e +99% su YouTube. Lo stesso per il Lovers Film Festival e per Cinemambiente, con aumenti di follower fino al 10%, per il Torino Film Lab che ha superato i 2.500 follower.